Dalla politica monetaria alla politica fiscale

banche centrali
A cura di Deusche AM Dopo quasi un decennio di allentamento quantitativo, la riforma delle imposte negli Stati Uniti ci rammenta che anche la politica fiscale è uno strumento utile per l’economia. Ma la politica monetaria resta una preoccupazione principale per i mercati. Negli Stati Uniti la Camera dei Deputati ed il Senato hanno presentato i propri disegni di legge per la riforma delle imposte,...

Italia, la stima del debito pubblico sale a 2.290 miliardi

Italia debito pubblico stima copia
A cura di Mazziero Research Le stime Mazziero Research segnalano un debito italiano in aumento nel mese di ottobre a 2.290 miliardi, diminuirà il mese successivo a 2.271 miliardi. Il debito a fine anno viene ora previsto in una forchetta tra 2.247 e 2.253 miliardi. Da inizio 2018 tornerà a crescere raggiungendo una cifra compresa tra 2.299 e 2.335 miliardi a giugno. I dati ufficiali Debito pubblico: 2.284...

Ambiente, l’indifferenza sarà sempre più costosa

leva finanziaria
A cura di Ophélie Mortier, Responsabile degli Investimenti Responsabili, Degroof Petercam Am La sostenibilità ambientale ricopre un ruolo chiave nel più ampio concetto di sviluppo sostenibile di un paese e  appare ormai chiaro che, in tema di cambiamento climatico, l’inerzia risulta più costosa di qualsiasi attività intrapresa. L’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico...

Big data: la grande opportunità

big-data
A cura di Joseph V. Amato, President and Chief Investment Officer–Equities di Neuberger Berman È assai probabile che chi sta leggendo questo articolo, stia utilizzando un dispositivo digitale. E che abbia aperto la pagina facendo click con il mouse o toccando lo schermo alcune volte per aprire un’e-mail, selezionare un collegamento e dichiarare il proprio profilo di investitore sul nostro sito...

La Riforma Trump non si pagherà da sola: l’analisi di AllianceBernstein

dollaro trump
A cura di Eric Winograd, senior US economist di AllianceBernstein Dopo il successo ottenuto al Senato, la realizzazione della riforma fiscale targata Donald Trump sembra ormai prossima. E’ improbabile che le differenze che separano le due camere del Congresso americano si rivelino un ostacolo. Anzi, l’arrivo ad una soluzione finale e l’implementazione del nuovo schema fiscale potrebbe arrivare...

Usa, nuovi segnali di un’inflazione in ripresa

inflazione
A cura di Gero Jung, Chief Economist di Mirabaud AM I dati macroeconomici generali rimangono ottimistici, con le domande per i sussidi di disoccupazione ancora scarsi, gli indicatori del sentiment elevati – sia nel settore manifatturiero sia in quello dei servizi – e i numeri dell’inflazione stabili. Per quanto riguarda quest’ultima, le letture sull’inflazione più recenti...

Quali vincitori e vinti nel 2018?

azioni stock
A cura di Luke Newman, Fund Manager of UK equities, Janus Henderson Investors Il 2017 è stato caratterizzato da molta incertezza e ha rappresentato un vero e proprio banco di prova per il nostro portafoglio tattico, chiamato ad affrontare la volatilità e a trasformarla in un flusso costante di rendimenti. L’incertezza ha riguardato gli eventi politici, come elezioni e referendum, nonché l’attività...

Le sfide della sostenibilità

socially-responsible-investing sri
A cura di Ubs Wm L’economia mondiale continua a crescere a un ritmo che non potrà proseguire per sempre. I livelli di biossido di carbonio nell’atmosfera non sono mai stati così elevati in 3 milioni di anni e contribuiscono agli eventi meteorologici estremi sempre più  frequenti. L’utilizzo di materiali naturali è triplicato negli ultimi 40 anni e comporta un maggiore degrado ambientale...

Il rally non è ancora finito: l’outlook di Deutsche Am

outlook
“Aspettiamo il nono anno di ripresa economica. Il rally non è ancora finito”. Con queste parole Stefan Kreuzkamp, Chief Investment Officer di Deutsche Asset Management, ha sintetizzato l’outlook di mercato per il 2018. “Nonostante il ciclo in corso sia in fase molto avanzata, i mercati azionari e l’economia mondiale hanno ancora margine per continuare a realizzare performance positive”,...

Nel 2018 un’economia globale più dinamica

Pil Usa
L’economia globale non è mai stata così dinamica dalla fine della Grande recessione. Sostenuta da una ripresa dell’attività nei Paesi esportatori di materie prime, dalla continua crescita dei Paesi emergenti asiatici e dalla ripresa dell’area euro, la crescita globale ha accelerato nel 2017  e si sta avvicinando a quota 3,6%: il livello più alto degli ultimi sei anni. “È...

Bene il 2018, ma nel 2019 sarà dura: l’outlook di Assiom Forex

outlook
Continua il periodo “Goldilocks” per i mercati ma il 2018 sarà un anno a doppia lettura. Se da un lato le aspettative di crescita per i maggiori indicatori economici volgono al bello superando il consensus medio espresso finora dalle principali case di investimento, il 2018 potrebbe rappresentare il picco del business cycle iniziato lo scorso anno e preludere ad un 2019 di diversa natura. Sono...

Ora è il turno della politica: la view di Exane

eurozona
A cura di Pierre Olivier Beffy, Chief Economist di Exane Bnp Paribas La scorsa settimana il mondo politico è tornato nuovamente sotto i riflettori. Le notizia più sorprendente riguarda lo sviluppo positivo delle trattative sulla Brexit: crescenti rumors confermano la presenza di un accordo tra Gran Bretagna ed Unione Europea sui principali punti della divorce bill. Il negoziatore dell’Unione Europea...

L’Europa brinda alla riforma fiscale, in calo il Nasdaq

borsa italiana
A cura di IG Chiusura in territorio positivo per gli indici europei che hanno salutato così l’approvazione della riforma fiscale al Senato statunitense dello scorso week end. Buona apertura anche per gli indici di Wall Street, che hanno esordito con i nuovi massimi storici, fatta eccezione per il Nasdaq, appesantito dal rialzo dei rendimenti sui Treasury. Nonostante la portata imponente della riforma...

Tapering Fed, cambiano le politiche meno i risultati

fed
A cura di Tim Ng, Analista degli investimenti di Capital Group La riduzione del bilancio messa in atto dalla Federal Reserve segna una netta svolta della sua politica, in grado di determinare più ampie ripercussioni sui tassi d’interesse e sui mercati. Nel medio termine, l’avvio da parte della Fed di questa strategia di riduzione delle proprie partecipazioni potrebbe provocare un incremento dei...

Svizzera, rallenta il Pil ma aumentano gli ordini all’industria

svizzera bandiera
Il prodotto interno lordo (PIL) ha subito tra il 2014 e il 2015 un rallentamento nella maggioranza dei cantoni. Ticino e Grigioni non sfuggono a questa tendenza. In Ticino la progressione si attesta al +0,4% (+2% nel 2014) mentre nei Grigioni si è registrata una contrazione dell’1% (+1,3% nel 2014). Nonostante ciò si segnalano andamenti positivi nei cantoni di Neuchâtel (+4,4%), Sciaffusa (+2,9%)...