Brexit, gli effetti collaterali a un anno dal referendum

brexit
Di Jim Leaviss, Head of Retail Fixed Interest di M&G Investments E’ passato un anno esatto dal referendum sulla Brexit e alcuni dei suoi effetti collaterali sull’economia britannica sono ancora al centro dell’attenzione. Il forte calo della sterlina, ad esempio, si è verificato immediatamente dopo il referendum e il calo del valore della valuta ha continuato ad essere il principale driver...

Debito Emergenti, tre motivi per cui resta attraente

emerging markets
A cura di John Peta, Head of Emerging Market debt, Old Mutual Global Investors Il debito dei Mercati Emergenti denominati in dollari ha registrato un 2017 positivo finora, con l’indice JPM EMBI che ha segnato un ritorno del 7% e un rendimento che sta scendendo vicino ai livelli pre-voto USA. Sebbene tali guadagni potrebbero far diminuire l’attrattività dell’asset class per alcuni investitori,...

Gli investitori acclamano le riforme di Macri e l’austerity è messa da parte

argentina
A cura di Michael Boye, Fixed Income Trader, Saxo Bank L’Argentina questa settimana ha emesso un bond con scadenza a 100 anni. Questa novità è la dimostrazione degli sviluppi positivi introdotti da Mauricio Macri dalla fine del 2015. Al centro del suo programma amministrativo c’è un insieme di politiche volte a riconquistare la fiducia degli investitori internazionali, che si era persa a causa...

Lezioni per investitori dal caso Banco Popular

bond vigilantes
A cura di M&G Financial Credit Team La BCE può agire rapidamente per stabilire se una banca abbia raggiunto il punto di insostenibilità economica (PONV) e, al bisogno, adottare un piano di risoluzione. Il pronto intervento dell’autorità ha colto chiaramente di sorpresa il mercato. Contestualmente, il modo in cui l’ente regolatore determina lo stato di insostenibilità di una banca è ancora...

La ricerca di rendimento è tornata, anche nell’obbligazionario

bond
A cura di Valentijn van Nieuwenhuijzen, CIO di NN Investment Partners La ricerca di asset class che generano rendimento è in parte ritornata nella mente degli investitori. Ciò ha portato a una ripresa del mercato dei titoli di stato e della performance relativa di alcuni settori azionari che generano rendimento come telecomunicazioni, utility e real estate. Questo trend è visibile anche nel rinnovato...

Mercati finanziari, riprende l’avversione al rischio

mondo soldi
A cura di Amundi Obbligazioni governative: netto rialzo dei tassi tedeschi a breve termine. Il bund a due anni ha chiuso la settimana a – 0,65%, un livello indubbiamente molto basso e in territorio negativo, che però rappresenta il massimo da oltre sei mesi a questa parte. I due eventi salienti della settimana sui mercati obbligazionari si sono verificati a poche ore di distanza l’uno...

Da SG il primo bond “Positive Impact Finance” per gli investitori retail

finanza sostenibile
La crescente sensibilità verso uno sviluppo sostenibile dell’economia si è da tempo fatta strada anche nel mondo della finanza. Molti investitori oggi effettuano le loro scelte di allocazione dando priorità ai criteri ambientali, sociali e di governance (ESG), soprattutto in Europa. In questo contesto, l’Environment Programme Finance Initiative dell’ONU (UNEP FI) nel 2015 ha pubblicato il...

High yield, qualche segnale di cedimento

high yield
A cura di Marco Caprotti, Morningstar L’alto rendimento torna ad essere solamente spazzatura? La domanda sui bond high yield si riaffaccia con una certa regolarità sui mercati. Il loro status (di solito hanno un merito di credito di BB o più basso, a seconda delle società di analisi) indica che si ha a che fare con emissioni di aziende deboli dal punto di vista dei bilanci che, per finanziarsi,...

Perché la Cina è fuori dagli indici obbligazionari globali?

Bandiera-Cina
Nei prossimi due anni il mercato obbligazionario cinese potrebbe giocare un ruolo più importante nei portafogli obbligazionari globali. “E’ abbastanza bizzarro che sul mercato obbligazionario globale la Cina, come terzo mercato, non sia attualmente presente in nessuno degli indici più importanti. Il motivo è che il mercato obbligazionario interno cinese fino a pochi anni fa era ancora chiuso...

I consumi non garantiscono più la crescita Usa

dollaro
“L’economia Usa ha beneficiato negli ultimi anni di un boom sul credito al consumo che ha permesso al sistema di recuperare in parte i danni prodotti dalla crisi. Oggi però ci troviamo al centro di una gigantesca bolla speculativa sugli asset finanziari e i consumi non sono più in grado di garantire la crescita”. È l’analisi di Maurizio Novelli, gestore del Lemanik Global Strategy Fund. È...

Bond di società a controllo statale: la garanzia implicita non esiste

btp bot titoli di stato bond
A cura di Charles de Quinsonas, M&G Investments Qualche settimana fa International Bank of Azerbaijan (IBA), istituto bancario controllato dallo Stato, ha scioccato gli obbligazionisti annunciando una ristrutturazione a sorpresa. Il coefficiente patrimoniale della banca era diventato negativo alla fine del 2016, a causa delle pesanti perdite valutarie dovute al deprezzamento del manat azero (AZN)....

Anche nel 2017 il mercato Orso dei bond può aspettare

bond
A cura del Team Multi-Asset di Bmo Global AM Il 2017 si sta dimostrando un anno in cui gli investitori obbligazionari si trovano, ancora una volta, in confusione. Alla fine di maggio, il rendimento del decennale britannico si conferma intorno all’1% con i rendimenti del dei Treasury USA in flessione. È sembrato scontato che le sorprese al rialzo dei dati economici siano state estremamente positive,...

Mercato globale: generale propensione al rischio

dividendi azioni
A cura di Pictet Am Il mercato azionario globale ha vissuto un altro mese  positivo, registrando un rialzo del 2% circa sulla scorta  della robusta crescita economica e dei solidi dati di utili aziendali.* Le borse europee hanno superato il mercato USA in seguito alla vittoria di Emmanuel  Macron alle elezioni presidenziali francesi, che ha alimentato l’ottimismo circa le prospettive economiche...

Nessun forte aumento nell’emissione di Gilt: la view di M&G

0gilts
A cura di Jim Leaviss, Head of Retail Fixed Interest in M&G Investments Il Regno Unito ha un Hung Parliament – Parlamento impiccato – con il partito Conservatore guidato da Theresa May che ha perso seggi, probabilmente sotto di 8 seggi per la maggioranza assoluta. Sembra che un gran numero di giovani abbiano votato, soprattutto a favore del partito Laborista di Jeremy Corbyn. I conservatori...

Dai Gilt a Brexit: i problemi del dopo voto in Uk

gran bretagna regno unito inglese
Di seguito alcuni commenti degli esperti di Bny Mellon Investment Management sull’esito elettorale in Gran Bretagna e le ricadute per la sterlina, i gilt, i mercati finanziari e le negoziazioni per la Brexit. Paul Brain, Head of Fixed Income di Newton Investment Management (BNY Mellon IM): Un parlamento diviso – e l’incertezza che ne deriva – potrebbe aumentare la volatilità dei mercati, ma...