Crescono le richieste per i conti deposito non vincolati

Hai domande o commenti? Scrivi a info@finanzaoperativa.com

controlli, fisco, dati

a cura di ConfrontaConti.it

Crescono le richieste di apertura di conti deposito non vincolati. Lo dicono le ultime evidenze relative ai primi quattro mesi del 2017 di ConfrontaConti.it, comparatore on line che fa capo al Gruppo MutuiOnline. Ecco i punti chiave del report, basato sui tassi dei conti di deposito, dei BOT annuali e sull’inflazione da luglio 2010 a aprile 2017:

– Rispetto al secondo semestre 2016, nei primi quattro mesi del 2017 crescono le richieste di conti deposito di tipo non vincolato (55,8% contro 27,1% del semestre precedente), in flessione le richieste per i conti depositi di tipo vincolato (44,2%* contro 72,9% del II semestre 2016).
– Sono over 55 (43,6%) italiani che nel corso dei primi quattro mesi del 2017 hanno richiesto l’utilizzo dei conti di deposito tra i vari strumenti bancari.
– Si evidenzia che l’importo depositato sui conti di deposito per il 27,7% degli utenti è stato oltre i 50.000€ e del 26,8% tra i 20.000€ e i 50.000€.
– Il 53,5% delle richieste di conti di deposito ha interessato un investimento di durata compresa tra i 7 mesi e 1 anno l’importo medio più alto dei conti di deposito per età degli utenti si è attestato intorno ai 46.742€ per la fascia d’età over 55 anni.
– Per quanto riguarda i conti correnti è emerso che gli italiani hanno richiesto maggiormente l’utilizzo dei canali online (50,5% dei richiedenti) rispetto alle sole filiali (9,5% dei richiedenti) e che il saldo medio dei conti correnti nei primi quattro mesi del 2017 si è attestato a 11.272€, in diminuzione rispetto al primo semestre 2016 (13.565€).
– Infine, a livello di localizzazione geografica sia per quanto riguarda i conti di depositi (68,6%) sia per i conti correnti (70,4%) le richieste si focalizzano maggiormente nel Nord Italia.

 

Share this post: