Minibond: nel 1° trimestre 16 nuove emissioni sul mercato ExtraMot Pro

Hai domande o commenti? Scrivi a info@finanzaoperativa.com

minibond
Sono 16 le emissioni di Minibond in questo primo trimestre del 2016, di cui 6 ricadono nel segmento Power & Utilities e 3 nel Financial Services, andando così a incrementare due settori già prolifici sul mercato. Forte peso in Power & Utilities hanno avuto le cinque emissioni del consorzio Viveracqua, che raggruppa i gestori veneti del servizio idrico integrato del Veneto, emessi da altrettanti aderenti al consorzio: Polesine Acque Spa per 12 milioni, Alto Trevigiano Servizi Srl per 30 milioni, Acque Veronesi Scarl per  20 milioni, Azienda Gardesana Servizi Spa per 8 milioni, BIM Gestione Servizi Pubblici  Spa per 7 milioni, per un totale di 77 milioni di euro.
Anche la moda scende in campo con United Brands Company che quota all’ExtraMotPro di Borsa un minibond short term da 500 mila euro. Mentre Giglio Group, network televisivo e multimediale globale, quotato all’Aim Italia, ha invece quotato 3,5 milioni di euro con cedola 5,4%. Finanziaria Internazionale (Finint), con la sua ultima quotazione arriva a 18 collocamenti.
Dati, questi, che confermano non solo l’andamento positivo dell’anno scorso, ma anche i trends che avevano caratterizzato questo mercato per tutto il 2015 e che noi avevamo già precedentemente analizzato:
  • riduzione del tasso di interesse (ormai stabilmente sotto il 6%)
  • riduzione del taglio medio (inferiore a 10 M€)
  • riduzione della maturity media (mediamente in un intorno di 5 anni)
Ma vediamo nello specifico cosa è successo negli scorsi tre mesi e quali sono le differenze rispetto all’ultimo Barometro Minibond: Market Trends datato 2015:
  • Raggiunto il numero di 164 emissioni sul mercato ExtraMOT Pro per un controvalore superiore a €5,8 Mld
  • Continua il trend che vede aumentare le emissioni di taglio inferiore a €50 M: 15 su 16 emissioni del primo trimestre appartengono a questa fascia
  • In riferimento alla emissioni di taglio inferiore a €50M in questo primo trimestre si è osservato un consolidamento del taglio medio, che resta mediamente inferiore a €10 M. In riduzione il tasso di interesse, in linea con il quarto trimestre del 2015
  • Incremento dei settori Power & Utilities (per effetto delle 5 emissioni, per totali 77 M€, del consorzio Viveracqua)  e Financial Services, in cui ricadono 9 emissioni sulle 16 dell’ultimo trimestre
  • Permane una spiccata concentrazione delle emissioni nelle regioni del Nord Italia
L’identikit aggiornato del minibond sotto €50 M è il seguente:
  • Taglio medio €9,3 M
  • Scadenza media: 5,8 anni 
  • Struttura del rimborso: 46% bullet (tutto a scadenza) / 54% con piano di ammortamento
  • Cedola media annua: 5,43%
  • Fatturato medio emittente: €89,7 M
Per chi volesse approfondire, il nostro report completo è scaricabile su www.minibonditaly.it e su www.epic.it
Il BAROMETRO MINIBOND MARKET TRENDS è realizzato da MinibonItaly.it, portale italiano dei minibond (sviluppato e gestito dalla boutique di consulenza strategica e advisory finanziaria Business Support S.p.A.) e da Epic SIM, la prima piattaforma digitale che mette in contatto il capitale privato e le PMI in modo diretto. Un documento che analizza – con aggiornamenti trimestrali – le principali caratteristiche delle emissioni di taglio inferiore a €50 M (taglio, scadenza, tasso di interesse, modalità di rimborso…) e fornisce un “identikit del Minibond” (caratteristiche medie sul totale delle emissioni).

Tags: ·

Share this post: