Zenit Sgr sottoscrive la prima emissione di minibond garantito dal Fondo Centrale di Garanzia

Hai domande o commenti? Scrivi a info@finanzaoperativa.com

bond

Essepi Ingegneria SpA, società di Sant’Albano Stura (CN), attiva in qualità di operatore indipendente nel settore dell’efficientamento energetico, nella vendita e nel trading di Titoli di Efficienza Energetica, è la prima PMI italiana a emettere un minibond garantito dal Fondo Centrale di Garanzia. Questo grazie alla sottoscrizione di un prestito obbligazionario di 2,2 milioni di Euro, della durata di 5 anni, da parte di Progetto Minibond Italia, il fondo che investe in minibond gestito da Zenit Sgr, una delle prime Società di Gestione del Risparmio indipendente a operare nel nostro Paese. L’incontro è avvenuto sulla piattaforma fintech di Epic SIM.

Il prestito obbligazionario, che sarà quotato a partire dal 20 aprile sul segmento professionale ExtraMOT PRO del mercato ExtraMOT di Borsa Italiana (codice ISIN IT0005105884), offre una cedola del 5,4% con un profilo di rimborso del capitale di tipo amortizing. I fondi verranno utilizzati da Essepi Ingegneria per finanziare il progetto Wind Sardinia, che alla data dell’emissione prevede la messa in funzione di 14 generatori eolici, di cui 2 già operativi a fine 2014.

Nell’operazione Essepi Ingegneria è stata affiancata da EY in qualità di advisor finanziario, dallo Studio Grimaldi che ha seguito l’impresa dal punto di vista legale e dallo Studio Caravati Pagani che ha curato gli aspetti fiscali. Zenit Sgr è stata assistita dal proprio advisor, ADB Analisi Dati Borsa, e dallo Studio Tosetto Weigmann per i profili legali; Eurofidi ed Eurocons hanno, invece, supportato la SGR per l’ottenimento della garanzia del Fondo Centrale di Garanzia.

“Siamo orgogliosi di potere comunicare la prima sottoscrizione del fondo in un minibond assistito dalla garanzia dello Stato – afferma Marco Rosati, Amministratore Delegato di Zenit Sgr – e di aver finanziato l’operazione di sviluppo di Essepi, vera eccellenza del territorio. Crediamo fermamente in questa tipologia di strumenti alternativi al credito bancario perché le imprese italiane oggi si trovano ad affrontare un contesto di mercato estremamente competitivo e necessitano, quindi, di capitali che permettano loro di intraprendere in modo concreto i propri piani di sviluppo e di crescita”.

“Grazie al minibond – riferisce Giorgio Sampò, Presidente di Essepi Ingegneria – la Società ottiene nuove risorse finanziarie per sostenere il piano di investimenti. Il prestito obbligazionario è stato accompagnato dalla trasformazione in SpA e dall’incremento di capitale sociale a 1 milione di Euro, operazioni che oltre ad aumentare la solidità della società ne hanno accresciuto standing e visibilità”.

“Nell’ottica della diversificazione della propria attività Eurofidi sta sviluppando l’operatività nel mercato dei minibond per consentire alle PMI di avere un migliore accesso a nuova finanza – afferma Massimo Nobili, Presidente di Eurofidi -. E proprio in questo senso non posso che esprimere soddisfazione per la sinergia con Eurocons e con Zenit SGR che ci ha permesso di mettere a disposizione di una piccola e media impresa professionalità e competenza per raggiungere l’importante risultato che la stessa si era prefissata con l’utilizzo di nuove forme finanziarie”.

Share this post: