Assicurazioni: le raccomandazioni di Mediobanca dopo la riforma del bonus-malus

Assicurazioni in fermento. L’introduzione della nuova riforma volta a estendere a tutti la classe bonus-malus più bassa all’interno della stessa tipologia di veicoli (al rinnovo del contratto) e in diverse categorie di veicoli sono stati posticipati al 16 febbraio per motivi tecnici a causa di problemi di attuazione dal 1 ° gennaio.

Questa riforma potrebbe esercitare un’ulteriore pressione sulla redditività delle compagnie assicurative per quanto riguarda il settore auto in un contesto, come quello attuale, già critico a causa dei bassi rendimenti da reinvestimento.

La stampa ha riportato alcuni esempi di una famiglia fatta da quattro persone due auto e due ciclomotori. Il “Family Motor TPL” (RC familiare) complessivo potrebbe portare a un risparmio del 48% a Milano e Bologna, e fino a 53% a Firenze.

I giudizi degli analisti di Mediobanca sui titoli del settore assicurativo

In questo scenario gli analisti di Mediobanca valutano neutral: UnipolSai con target price di 2,50 euro, Unipol con prezzo obiettivo di 5,50 euro e Cattolica Assicurazioni con fair value di 7,70 euro.

Il settore assicurativo a Piazza Affari

Negli ultimi sei mesi l’indice FTSE Italia Assicurazioni, benchmark di riferimento per le compagnie assicurative quotate sul listino azionario di Borsa Italiana, ha registrato un incremento del 10,6% e a 12 mesi la performance sale al 29,2 per cento.

G.R.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*