Auto elettrica, ecco i buy di Goldman Sachs

Hai domande o commenti? Scrivi a info@finanzaoperativa.com

Le batterie sono spesso citate come il collo di bottiglia più preoccupante per una diffusione di massa dell’auto elettrica. Gli analisti di Goldman Sachs ritengono però che ormai sia giunto il momento di riconsiderare questa visione: i costi delle batterie sono in calo e i motori e gli invertitori nei veicoli elettrici migliorano nell’efficienza. Tanto che il mercato, secondo la banca d’affari americana, crescerà fino a raggiungere i 32 miliardi di dollari entro il 2030 dai 2,3 miliardi del 2015. Mentre la competizione si intensifica tra le case automobilistiche, Goldman ritiene che i punti focali saranno l’innovazione tecnologica (foglio di anima più sottile, densità della bobina più alta e capacità di raffreddamento) e una scala di produzione di massa.

Per quanto riguarda la produzione di motori elettrici per autoveicoli, Goldman Sach assegna un giudizio buy alle giapponesi Honda con target price di 4.300 yen, Aisin con prezzo obiettivo di 7.200 yen, Hitachi con fair value di 980 yen, Nidec con obiettivo di 17.400 yen, Yaskawa con target di 5.800 yen e alla tedesca Continental con obiettivo di 54 euro.

Sul mercato degli invertitori la banca americana valuta invece buy la statunitense Delphi Technologies con fair value di 57 dollari.    G.R.

auto elettriche stime crescita goldman

Share this post: