Back to school: l’importanza dell’education finanziaria

A cura di Ivan Gowan, CEO di Capital.com

Quando è stata l’ultima volta che ci siamo recati in banca per incassare un assegno o fare un versamento? Probabilmente abbiamo assistito alla rivoluzione fintech senza nemmeno accorgercene. Usare le App per gestire i propri soldi è diventato normale, e ora nuovi e innovativi servizi fintech come Monzo e Revolut stanno vivendo questo slancio, rivoluzionando il settore finanziario.

Una delle aree più interessanti e in cui il settore finanziario è stato esposto ai maggiori e radicali cambiamenti è il trading. Forse, vent’anni fa, chi avesse desiderato iniziare ad investire, si sarebbe dovuto affidare a un broker a servizio completo, che gli offrisse la necessaria consulenza, per poi investire direttamente in sua vece. La democratizzazione del settore finanziario significa che, oggi, molte più persone possano accedere a piattaforme e servizi di trading tramite App mobile estremamente intuitive, standosene comodamente in salotto, o mentre sono in viaggio, ad esempio su un treno.

Ma questo viene a significare, al tempo stesso, che gli utenti debbano essere necessariamente meglio istruiti e resi edotti sui rischi di investimento, al fine di ottenere una comprensione migliore e generalizzata del mercato finanziario, in misura esattamente proporzionale alle nuove masse di utenti che potenzialmente vi si affacciano.

Tutto questo apre il discorso sulla responsabilità che le nuove piattaforme di trading hanno, o devono assumersi, nell’aiutare gli investitori a gestire la propria propensione al rischio, a far loro meglio comprendere la capacità di gestire eventuali perdite e di superare gli ostacoli in cui potrebbero incorrere nella loro nuova attività di trading.

L’alfabetizzazione finanziaria è divenuta centrale. E tale deve essere per tutti: sia per coloro che intendano diventare trader, sia per tutti gli altri. Proprio per questo motivo le società fintech devono considerarla una priorità nel momento in cui sviluppano e predispongono l’offerta di nuove piattaforme e servizi.

Un esempio al riguardo ci è fornito da Capital.com, fintech company che pone al centro della propria attività educativa un trading più accessibile, responsabile e alla portata di tutti e che proprio per questo motivo ha appositamente sviluppato l’App Investmate. Questa innovativa educational App è scaricabile gratuitamente e offre una vasta gamma di corsi introduttivi di trading su strumenti finanziari, derivati e Cfd, nonché un corso specifico sulla comprensione dei rischi del trading. In modo assolutamente unico, Investmate utilizza un approccio formativo basato su giochi didattici, che si sviluppa attraverso corsi interattivi, quiz e articoli divertenti, tutti mirati a insegnare a neofiti e appassionati amatoriali del trading le migliori tecniche d’investimento. Investmate sarà presto disponibile anche in lingua italiana.

La App suggerisce obiettivi basati sull’esperienza di trading pregressa dell’utilizzatore. Tutti i termini finanziari indicati nelle lezioni sono evidenziati, offrendo all’utente l’opportunità di cliccare sulla parola ed ottenere, tramite pop-up, una descrizione più dettagliata di quel termine. Attraverso questa avanzata funzionalità di tipo educational, Capital.com intende accompagnare i principianti nel loro percorso formativo, aiutandoli a diventare più responsabili e informati, oltre a fornire loro gli strumenti necessari per operare con successo. Questa App ha riscosso molto successo fra gli utenti di Capital.com, con centinaia di recensioni positive e migliaia di downloads da Apple e Android. È ormai chiaro che Investmate soddisfa una reale richiesta di contenuti informativi da parte della community dei trader.

Capital.com ritiene che trading e investimenti debbano essere un’esperienza divertente e gratificante per gli utenti retail, con il giusto potenziale per ottenere guadagni, anche significativi. Ma perché questo possa avvenire, gli utenti devono essere formati ai rischi che corrono, edotti sul modo migliore per riuscire a mitigare tali rischi e devono essere in grado di conoscere le basi dei mercati finanziari, in modo che possano effettuare valutazioni in modo informato e siano istruiti sulle migliori asset class su cui investire. Attraverso la nostra app Investmate ci siamo posti l’obiettivo primario di fornire ad almeno un milione di persone una conoscenza finanziaria di base, entro la fine del prossimo anno.