Banche Usa, bilanci solidi

bank banca

A cura di Daniel Roberts, Gestore di FF Global Dividend Fund: “Considerando la crescente volatilità è, a mio avviso, di fondamentale importanza assumere una visione di lungo termine e focalizzarsi sui titoli di maggiore qualità: in linea generale, le valutazioni attuali sono elevate in gran parte dei mercati e questo significa che, data la fase corrente del ciclo, dobbiamo assolutamente concentrarci sul contenimento del rischio di ribasso.
Le società che seleziono hanno modelli di business migliori delle altre, bilanci solidi e valutazioni ragionevoli. Ne sono un esempio le imprese attive nel comparto della sanità e in quello dei beni di consumo. Continuiamo pertanto a prediligere società posizionate nel modo migliore per preservare o addirittura incrementare i propri profitti grazie a vantaggi competitivi ormai consolidati quali marchi forti, una rete di distribuzione stabile e una normativa favorevole, e che abbiano al contempo la volontà di distribuire tali profitti sotto forma di dividendi.
Queste società sono in grado di resistere anche in una congiuntura economica incerta, pertanto restiamo dell’avviso che una strategia azionaria difensiva basata sui dividendi e investita in titoli azionari solidi e capaci di generare reddito sia il mezzo migliore per ottenere un buon rendimento a lungo termine, riducendo al contempo la volatilità”.
A cura di Angel Agudo, Gestore di FF America Fund: “L’economia statunitense resta in buone condizioni e a nostro avviso continuerà a migliorare seppure a un ritmo moderato. Dato il continuo rafforzamento del mercato del lavoro e il conseguente aumento dei salari, i consumi dovrebbero continuare a rappresentare un fattore chiave, trainante per la crescita. La solidità del terziario e il miglioramento dell’attività nei settori legati all’edilizia e al mercato residenziale dovrebbero a loro volta sostenere l’economia.
Infine, le banche sembrano avere i bilanci più solidi che si siano mai visti negli ultimi decenni. Nel complesso, le opportunità di investimento negli USA sono numerose. Bisogna tuttavia essere consapevoli del fatto che il ciclo economico si trova nelle sue fasi avanzate e che, ai livelli aggregati, i margini sono alti e i multipli di valutazione non sono bassi. Ciononostante, ravvediamo opportunità interessanti, in particolare per alcuni settori e aziende, e ciò conferma ancora una volta quanto sia importante avere un approccio selettivo”.