Boeing, discesa a fine corsa o è ancora presto per un’inversione di rotta?

Potrebbe non essere ancora l’ora di comprare il titolo BoeingA un mese dal tragico incidente aereo di Addis Abeba, il taglio della produzione dei Boeing 737 ha causato un deciso impatto sulle azioni della compagnia di Chicago, tornate a quota 375 dollari per azione, dopo che venerdì scorso avevano sfiorato i 400 dollari. Ecco la view sul titolo (quotato a Wall Street) dell’Ufficio Studi BG Saxo.

Gli analisti su Boeing

L’haircut alla produzione del 19%, passata da 52 a 42 aerei/mese, ha causato un taglio delle stime da parte di diversi analisti, tra cui quello di BofAML, Ronald Epstein, che ha abbassato il target price da 480 a 420 dollari, sotto l’obiettivo medio pari a 432 dollari, passando da buy a neutral.

Boeing dal punto di vista tecnico

 Dal punto di vista tecnico, le azioni di Boeing nella scorsa settimana hanno sviluppato una formazione d’espasione, rotta nella giornata odierna dopo la discesa sotto il supporto a 385 dollari. In mancanza di altre news, è probabile che i prezzi stazioneranno tra i 371 e i 385 dollari, fascia di prezzo nella quale le azioni hanno oscillato per oltre il 50% del tempo nelle ultime quattro settimane e inoltre, possiamo apprezzare una divergenza sul RSI, seppur lieve.
È inoltre interessante notare l’andamento del principale fornitore di Boeing, Spirit Aerosystems, che dipende dal gigante dell’aerospaziale per circa l’80% del proprio fatturato e per il 15% dalle sorti di Airbus. Le azioni della società, che capitalizza circa 9,5 miliardi di dollari, sono crollate di circa il 13,5% dal 08 marzo, con un ulteriore tonfo del 6% nella giornata odierna, superando la discesa dell’11,5% delle azioni di Boeing.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*