Brexit, ora i mercati scommettono che il “no deal” sarà evitato

A cura di Ben Hayward, Portfolio Manager di TwentyFour Asset Management

Nell’attuale contesto, con diversi fattori di rischio di grandi dimensioni, è spesso difficile vedere con esattezza con quali risultati i mercati stanno fissando i prezzi. Lo stesso non si può dire dei recenti sviluppi positivi sulla Brexit, che hanno avuto un impatto molto chiaro su alcuni mercati – Sterling ha registrato un rialzo da 1,08 a circa 1,16 (sterlina/euro), e i Gilts a 10 anni sono scesi di tre punti.

Il governo di Boris Johnson potrebbe essere stato sconfitto nel breve lasso di tempo proposto per far passare il suo nuovo accordo in Parlamento martedì sera; ma il suo progetto di legge sull’accordo di recesso ha superato la seconda lettura (dopo la quale serie di emendamenti possono essere proposti dai partiti dell’opposizione), che è la prima volta dal referendum del 2016 che il Parlamento ha restituito un risultato positivo su qualsiasi accordo Brexit. C’è molta strada da fare, ma i mercati sembrano molto più fiduciosi del fatto che un’uscita “no-deal” sarà evitata.

È interessante notare, tuttavia, che non abbiamo visto questo impatto sui tassi d’interesse del Regno Unito; Bloomberg mostra attualmente un’aspettativa minor dell’1% di un aumento dei tassi fino a settembre 2020, ma con una probabilità di taglio che varia dal 10% al 50% nello stesso periodo. Per noi è un po’ una sorpresa vedere i tassi fissi che fanno male e il Libor che sale un po’, ma senza che i prezzi dei tassi bancari aumentino.

Ciò che lo rende ancora più curioso è che il Governatore della Bank of England, Mark Carney, è stato chiaro che le prospettive per il Regno Unito dipenderanno da quanto “duro” sarà il ritiro della Brexit, e che “il percorso appropriato della politica monetaria dipenderà dall’equilibrio dei suoi effetti”. Carney ha sempre sostenuto che se non fosse stato per la Brexit, la performance dell’economia britannica avrebbe ormai giustificato un aumento dei tassi, e la forte implicazione è stata che avrebbe voluto che quegli aumenti dei tassi fossero stati fatti per dare alla BoE le munizioni per facilitare la politica monetaria mentre il ciclo gira e la crescita diminuisce. Sicuramente quindi, in un ambiente in cui una hard Brexit sembra una possibilità relativamente remota, il mercato dovrebbe considerare gli aumenti dei tassi come un risultato probabile, a parità di condizioni?

Verso un mini-boom?

Non solo l’economia britannica ha dato prova di resilienza di fronte all’incertezza della Brexit, ma l’ipotesi è che vedremmo un mini-boom finanziato dall’investimento che è stato tenuto in disparte mentre la Brexit ha giocato.

Leggendo i commenti di apertura della conferenza stampa della BoE di agosto, è evidente quanto fossero basse le aspettative per qualsiasi risoluzione, per non parlare di una risoluzione morbida. Tuttavia, la Banca ha previsto che una transizione graduale significherebbe una ripresa degli investimenti delle imprese e della spesa delle famiglie, e con un contesto attuale di condizioni finanziarie materialmente più facili, un’accelerazione ancora più forte della crescita con un’inflazione da Ipc “ben al di sopra dell’obiettivo” e ancora in aumento. Ciò porterebbe ad uno scenario in cui è lecito attendersi aumenti graduali dei tassi.

Da quelle osservazioni di agosto, tuttavia, abbiamo assistito ad un ulteriore rallentamento dell’economia globale. Ciò costituisce un contrappeso allo stimolo “di sollievo” della Brexit e convincerà la BoE a mantenere i tassi al livello attuale? L’anno scorso abbiamo appreso in questo periodo che gli investitori non erano d’accordo con la Fed sulla direzione futura dei tassi, e chiaramente il mercato ha vinto questo argomento. C’è un altro disaccordo sui tassi del Regno Unito?

La prossima conferenza stampa della BoE sarà tra due settimane, e ora c’è il potenziale per un accordo Brexit per allora. In tal caso, l’orientamento potrebbe essere che i responsabili politici sono in attesa di vedere se gli effetti positivi della risoluzione Brexit aiuteranno il Regno Unito a sfuggire al rallentamento globale, ma qualsiasi spostamento della loro attenzione dalla Brexit ai rischi di crescita globale sarebbe di notevole interesse.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*