Candriam amplia l’offerta di fondi tematici con Candriam Sri Equity Circular Economy

Candriam annuncia il lancio del fondo Candriam Sri Equity Circular Economy. Il concetto di economia circolare rappresenta un’alternativa all’attuale modello economico lineare (“prendere, fare, gettare”), evitando gli sprechi e riducendo il fabbisogno di materie prime vergini. L’economia circolare cerca di incrementare l’uso efficiente delle risorse attraverso il riutilizzo o il riciclo dei materiali. Il fondo appena creato punta a sovraperformare nel lungo termine investendo in società che offrono nuove tecnologie e soluzioni innovative che agevolano la transizione a un’economia circolare.

L’esaurimento delle risorse e la gestione inefficiente dei rifiuti suscitano forti preoccupazioni per l’impatto significativo e oneroso che hanno sull’economia, sulla società e sugli ecosistemi. Secondo il Circular Gap report 2020, attualmente il mondo è “circolare” soltanto all’8,6%, il che dimostra l’ampia gamma di opportunità disponibili per gli investitori.

Sostituire il modello lineare con quello circolare è diventato un imperativo per garantire un futuro sostenibile. Il tasso di consumo e i processi di produzione attuali sono diventati insostenibili, dato che lo sfruttamento del pianeta supera di 1,7 volte le risorse a disposizione. Nell’attuale sistema di economia lineare, le risorse vengono estratte, consumate e smaltite. Al contrario, tenendo conto dell’intero ciclo di vita dei materiali e riprogettando i prodotti e le operazioni, un’economia circolare può contribuire a ridurre la pressione reinserendo le risorse utilizzate nella nostra economia.

Il passaggio alla circolarità rappresenta un enorme potenziale per la crescita economica e la sostenibilità ambientale. Riteniamo che questa sia un’opportunità di investimento pluridecennale, considerando che entro il 2030 l’economia circolare rappresenterà un mercato potenziale del valore di 4.500 miliardi di dollari. Attraverso il nostro approccio tematico proprietario e una selezione basata sui fondamentali, costruiamo un portafoglio diversificato di società che distinguiamo tra facilitatori e trasformatori. I facilitatori offrono soluzioni volte a consentire la transizione a un’economia circolare, incluse quelle per lo smaltimento dei rifiuti, per l’utilizzo di risorse rinnovabili, per l’estensione della vita del prodotto e per l’ottimizzazione delle risorse. I trasformatori, invece, stanno attivamente cambiando le loro operazioni di business e la catena di approvvigionamento per diventare più circolari.

Il fondo, che integra la gamma di investimenti azionari tematici di Candriam, sarà gestito da Koen Popleu, Thematic Equity Senior Fund Manager, e Monika Kumar, Thematic Equity Fund Manager.

“La forte reazione contro la plastica monouso e la crescente popolarità dei prodotti plastic free hanno dimostrato che i regolatori e i consumatori sostengono la transizione verso un’economia circolare. Di fronte al rischio reputazionale e al boicottaggio dei consumatori, le aziende hanno deciso di aumentare drasticamente l’utilizzo di imballaggi in plastica riciclata e di trasformare i loro processi operativi”, spiega Koen Popleu. Monika Kumar, co-gestore, ha aggiunto: “Questo rappresenta un’opportunità importante per le aziende che offrono tecnologie e soluzioni innovative adatte a un’’economia circolare.”

“Gli investimenti sostenibili sono al centro della nostra attività da 25 anni e siamo orgogliosi di lanciare il Fondo Candriam Sri Equity Circular Economy”, dice Vincent Hamelink, Chief Investment Officer di Candriam. “In linea con il nostro impegno volto a promuovere un’economia a zero rifiuti e a dare attuazione agli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, il passaggio a un’economia circolare sarà una parte essenziale della nostra transizione verso un futuro più sostenibile”.

Candriam donerà fino al 10% delle commissioni di gestione annuali nette del comparto a enti di beneficenza e organizzazioni che offrono soluzioni per promuovere la transizione verso un’economia circolare. Candriam ha scelto l’organizzazione Close the Gap come primo beneficiario. Close the Gap è un’impresa sociale internazionale che mira a colmare il divario digitale offrendo computer di alta qualità, usati e donati da società europee e internazionali per la realizzazione di progetti educativi, medici e sociali in Paesi in via di sviluppo ed emergenti. Dal 2004, Close the Gap ha sostenuto oltre 6.000 progetti in oltre 50 Paesi di tutto il mondo. Tutti i progetti si concentrano in aree in cui sia il bisogno sia l’impatto positivo di tali iniziative sono elevati.

Il fondo Candriam Circular Economy è attualmente registrato in Lussemburgo, Austria, Belgio, Germania, Spagna, Regno Unito, Italia e Paesi Bassi.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*