Christine Lagarde, il “gufo” della Bce che guarda in tutte le direzioni

International Monetary Fund (IMF) managing Director Christine Lagarde smiles during a press conference during an Eurogroup meeting at the EU headquarters in Luxembourg on June 13, 2019. (Photo by JOHN THYS / AFP) (Photo credit should read JOHN THYS/AFP/Getty Images)

A cura di Martin Moryson, Chief Economist Europe di Dws

Come previsto, giovedì il Consiglio direttivo della Bce ha lasciato invariati i parametri di politica monetaria: il tasso sui depositi (negativo) rimane a -50 punti base. Il programma di acquisto di obbligazioni continuerà nella sua attuale portata fino a quando l’inflazione non avrà registrato una convincente convergenza verso il due per cento.

Tuttavia, anche se non ci sono stati molti cambiamenti in materia monetaria, il nuovo Presidente della Bce ha mostrato certamente il suo stile. Da un lato, Christine Largarde ha spiegato che la già annunciata revisione della strategia monetaria e del toolkit (“Review”) della Bce dovrà essere condotta in modo approfondito, senza pregiudicare il risultato. Ampie parti della società civile dovrebbero partecipare e il processo di revisione concluso in un lasso di tempo generoso (entro la fine del 2020).

D’altro canto, ha già sottolineato che tre aree tematiche avranno la priorità, vale a dire le sfide della digitalizzazione (valute digitali), i cambiamenti climatici e le crescenti disuguaglianze economiche. Un passaggio non convenzionale per una banca centrale. L’inclusione di obiettivi di politica climatica è suscettibile di provocare discussioni accese, soprattutto in Germania (nonostante la popolarità generale dell’argomento nel più grande Stato membro dell’Eurozona). La Bundesbank è sempre stata una sostenitrice di un’interpretazione (molto) ristretta del mandato di politica monetaria. Forse memore di questo, Largarde non ha fornito ulteriori dettagli, probabilmente perché vuole prima raggiungere un consenso all’interno del consiglio direttivo.

Lagarde è colomba o falco? Più un gufo – come lei stessa ha modestamente affermato – che cerca il consenso con i suoi colleghi. Dopo tutto, ha ereditato da Mario Draghi un consiglio un po’ diviso. Di conseguenza, anche le loro aspettative di un maggiore interesse per la politica fiscale e un maggiore impegno per gli obiettivi di politica climatica si sono mitigati. Ovviamente non sono stati pochi i confronti in questa sede. Tuttavia, il ruolo che ricoprono all’interno della Bce ha già leggermente modellato le loro prospettive.

Il contesto economico è appena cambiato. Crescita debole e rischi di ribasso, ma meno pronunciati che nel recente passato. Tuttavia, le prospettive sono piuttosto positive. Occorre tenere inoltre presente che la revisione strategica non sarà completata prima della fine del 2020. La stessa Bce non prevede di raggiungere l’obiettivo di inflazione entro il 2022. Pertanto, per un periodo di tempo più lungo, è probabile che non cambi molto in termini di politica monetaria concreta.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*