Cinque ragioni per cui l'Euro/dollaro è al punto più basso quest'anno

euro dollaro

A cura di Xtb

  • L’EUR/USD scende sotto 1,18, il più basso quest’anno
  • Divergenza tra politica monetaria e inflazione tra le principali ragioni del declino
  • L’Italia ha aggiunto un peso decisivo all’euro
  • L’analisi tecnica vede una forte tendenza al ribasso a breve termine, il supporto chiave a 1.1550
  • Il cambio EUR/USD ha visto il minimo del 2018 di mercoledì a 1.1770. Qui forniamo 5 motivi alla base di questo declino, analizziamo le prospettive e presentiamo le analisi tecniche.

Politica monetaria divergente
Le principali valute seguono spesso i tassi di interesse abbastanza da vicino e per anni è stato il caso dell’EUR/USD. Il 2017 è stato un grande enigma per gli investitori nel Forex dato che l’allargamento dello spread delle obbligazioni a favore del dollaro USA è stato raggiunto con il deprezzamento. Tuttavia, gli investitori non sono stati in grado di liquidare sempre i crescenti tassi di interesse sul mercato USA e possiamo vedere sul grafico che questo fattore ha contribuito notevolmente al forte calo dell’EUR/USD.

Prospettive di inflazione
L’inflazione CPI negli Stati Uniti è quasi il doppio di quella nell’UEM e questo disaccoppiamento potrebbe aumentare ulteriormente nei prossimi mesi. Questo influisce sugli investitori che speculano sul fatto che la Fed potrebbe aumentare i tassi 4 volte quest’anno, mentre la BCE acquista ancora titoli di stato. Inoltre, mentre l’UE si è ripresa fortemente lo scorso anno, questa ripresa si è in qualche misura rallentata fino al 2018 e l’economia statunitense sembra essere più resiliente.

Aumento dei prezzi del petrolio
La politica OPEC, la crisi venezuelana e ora una rottura del Nuclear Deal con l’Iran – tutti questi fattori vedono i prezzi del petrolio salire a $ 80. I prezzi del petrolio più alti stanno letteralmente alimentando l’inflazione e mentre questo accade ovunque, gli investitori pensano che la Fed abbia maggiori probabilità di reagire mentre è in piena contrazione monetaria, mentre ci si aspetta che la BCE rimanga fino alla fine di quest’anno.
Preoccupazioni italiane
L’Italia è stata in qualche modo dimenticata dai mercati anche se non ha avuto governo nelle ultime 10 settimane. Ora il governo potrebbe essere posto, ma i populisti della Lega e del M5S potrebbero benissimo far rivivere i demoni dell’Eurocrisi attraverso le loro richieste. Hanno già versato acqua fredda sui mercati suggerendo una svalutazione delle obbligazioni italiane acquistate dalla BCE e il rilassamento di una disciplina fiscale (già modesta) a casa. Ricordiamo che il bond italiano a 10 anni ha ceduto oltre il 7% rispetto a qualche anno fa – un livello chiaramente insostenibile per l’Italia – e si è ridotto al 2% solo a causa degli ingenti acquisti da parte della BCE.
Posizionamento degli investitori
Gli investitori speculativi erano storicamente long sull’euro e allo stesso tempo erano short sul dollaro all’inizio di quest’anno e ora che le circostanze sono cambiate, potrebbe essere necessario adeguare questo posizionamento.
Qual’è il prossimo?
Mentre l’Italia è una seria preoccupazione a lungo termine, non ci aspettiamo che abbia un impatto massiccio a breve termine. La vera domanda è: i rendimenti dei titoli potrebbero continuare a divergere tra Stati Uniti e Germania? Non ne siamo così sicuri. Sì, l’inflazione degli Stati Uniti sarà più alta ma queste condizioni finiranno per mordere anche la crescita degli Stati Uniti e la Fed potrebbe essere riluttante a strafare la stretta. In secondo luogo, ricordiamo che i rendimenti dei titoli statunitensi sono sembrati molto più allettanti lo scorso anno eppure il dollaro USA ha continuato a scivolare a causa del “fattore Trump” (debole discorso del dollaro, riforme deludenti e vari scandali). Con il dollaro USA che sta guadagnando su tutti i fronti potrebbe essere anche una questione di tempo prima di sentire di nuovo Trump (accusando l’Europa di “indebolire artificialmente la sua moneta”). Pertanto non consideriamo l’attuale declino un’inversione di tendenza effettiva.
Analisi tecnica
EUR/USD, W1 – la coppia ha superato la media di 50 e 75 settimane mettendo a rischio una tendenza al rialzo. Quello che vediamo è una correzione che è già stata più forte di quella di fine 2017 e ha più slancio (5 candele ribassiste di fila). Il livello chiave da osservare è 1.1550 che in passato era una resistenza molto forte e ora potrebbe fungere da supporto vitale. La resistenza chiave è a 1.20.
EUR/USD, H1 – su un intervallo più basso vediamo una tendenza al ribasso molto persistente. Può essere ben compreso dalla media mobile e abbiamo potuto vedere che la coppia ha reagito molto nell’area compresa tra 75 e 150 LWMA e ha continuato a spostarsi verso sud.