Cruptovalute, Coinone indagato dalla magistratura del Sud Corea. Dash, l’analisi di Xtb

Hai domande o commenti? Scrivi a info@finanzaoperativa.com

Gli stati d’animo sui mercati delle criptovalute rimangono ribassisti. La capitalizzazione dell’intero mercato si è mossa al ribasso per attestarsi a poco più di 340 miliardi di dollari. In Corea del Sud i dirigenti di uno dei più grandi scambi di criptovalute del Paese dovranno sostenere spese legali dovute ad una implicazione in fornitura di servizi di gioco d’azzardo illegali.

Terzo più grande exchange di criptovalute in Corea del Sud è Coinone, preso di mira dalle forze dell’ordine del Paese. Si dice che l’ufficio dell’accusatore addebiti a tre dirigenti dell’exchange, tra cui l’amministratore delegato della società, nonché a 20 membri indagini inerenti il gioco d’azzardo illegale.

Perché è correlato alle criptovalute? La polizia della Corea del Sud sostiene che fornire servizi di trading al margine del mercato della criptovalute sia equiparabile a giocare d’azzardo in quanto non autorizzato dalle autorità. Durante le indagini la polizia ha rivelato che circa 19 mila utenti di Coinone hanno utilizzato i servizi di scambio ai margini della borsa. Tuttavia, solo 20 di loro, che hanno scambiato quasi tre milioni di dollari, saranno accusati. L’azienda nega di essere colpevole e di affermare che non pensa che sia illegale perché servizi simili sono offerti per i traders di azioni ed è perfettamente soddisfacente.

Dopo un po’ di difficoltà nelle vicinanze della media mobile a 33 periodi nell’intervallo H4, i Tori sulla cryptovaluta DASH sembrano rinunciare alle speranze. A turno vediamo un rimbalzo verso la zona di supporto a partire da 300 dollari. Se il momento di ribasso risulta essere abbastanza forte da superare questo ostacolo, un test del minimo di diversi mesi a 280 dollari potrebbe essere sulle carte.

Fonte: xStation5

Share this post: