Da Euronext nuovi prodotti e servizi Esg per promuovere una crescita sostenibile

Euronext ha annunciato il lancio di una nuova suite di prodotti, iniziative e servizi improntati sui criteri ESG, con l’obiettivo di mettere a disposizione dei mercati europei dei capitali un solido sistema di strumenti per la promozione di una crescita sostenibile. L’annuncio rappresenta un importante passo avanti nel contesto del piano strategico triennale di Euronext, “Let’s Grow Together 2022”, nel quale i temi ESG sono stati identificati come un pilastro strategico essenziale.

Introduzione di un nuovo indice Euronext ESG 80 e derivati e allineamento dell’indice Low Carbon 100, leader europeo, con l’Accordo di Parigi

Euronext, in partnership con Vigeo Eiris Moody’s, ha sviluppato un nuovo indice ESG, denominato Euronext Eurozone ESG Large 80, che raggruppa le 80 migliori Large Cap europee più performanti in termini di criteri sociali e di governance e in prima fila nella transizione verso un’economia low-carbon. Il nuovo indice risponde all’esigenza degli investitori di avere un riferimento pubblico nell’Eurozona per quanto riguarda le azioni per il clima.

Il 1° giugno 2020, Euronext ha introdotto i suoi primi contratti futures basati su un indice ESG. I futures ESG 80 costituiscono efficaci strumenti di copertura, che offrono a un maggior numero di investitori la possibilità di avere un’esposizione all’economia sostenibile all’interno dell’Eurozona. Nel lancio sono stati coinvolti quattro market maker, BNP Paribas, DRW, Optiver e Société Générale.

Euronext attualmente mette a disposizione dei suoi clienti una gamma completa di oltre 40 famiglie di indici ESG basati su un processo di selezione trasparente e regolamentato, con input provenienti da partner esperti nei rispettivi campi, tra cui Carbone 4, CDP, ISS-ESG e Vigeo Eiris Moody’s.

Espansione dei Green Bond Euronext con l’arrivo degli ESG Bond

Facendo leva sul successo ottenuto con la gamma di Green Bond introdotta lo scorso novembre, che ha registrato un incremento del 70% nel numero di emittenti dalla data del lancio, Euronext espande ora l’offerta ad altri titoli legati a criteri ESG, tra cui si annoverano obbligazioni di tipo blue, social, sustainability e sustainability-linked. Euronext è l’unica borsa che riunisce le obbligazioni ESG quotate in diverse sedi in un’unica sezione ben visibile, offrendo così agli emittenti la possibilità di esibire le proprie credenziali ESG, e agli investitori quella di individuare rapidamente i titoli ESG. Attualmente, nella nuova sezione Euronext ESG Bonds, si possono già trovare 231 obbligazioni ESG di 95 emittenti.

Euronext è la più importante piazza mondiale per la quotazione di obbligazioni e conta più di 165 miliardi di euro di emissioni in titoli ESG quotati nei rispettivi mercati. L’anno scorso sono stati quotati su Euronext green bond per un valore di 54,3 miliardi di euro, quasi un quinto delle emissioni mondiali di questa categoria di titoli nel 2019.

Lancio di nuovi Servizi ESG per supportare le società quotate nella transizione ESG

A fronte della crescente attenzione degli investitori per i criteri ESG nelle loro strategie d’investimento, Euronext ha sviluppato una suite di soluzioni innovative dedicate alle società quotate, che si colloca dell’offerta Euronext Corporate Services. Questi servizi personalizzati di ESG Advisory consentono agli emittenti di raggiungere nuovi investitori, rendendo più chiara la loro strategia ESG per i mercati dei capitali e costruendo un proprio profilo ESG attraverso un’informativa pertinente e funzioni ottimizzate di governance. I servizi offerti comprendono inoltre dei tool digitali per roadshow virtuali e funzioni di governance a distanza, contribuendo a migliorare le relazioni con gli investitori e l’esperienza di gestione del board, oltre che riducendo l’impatto ambientale connesso ai viaggi di lavoro.

A gennaio 2020, Euronext ha introdotto una serie di linee guida all’informativa ESG per gli emittenti. Ispirati alle raccomandazioni contenute nella Sustainable Stock Exchanges Initiative delle Nazioni Unite, queste linee guida si prefiggono di aiutare le società quotate a strutturare il loro approccio ai temi ESG. Euronext ha avviato, attraverso la FESE1, una cabina di regia europea collettiva finalizzata a concordare standard comuni di valutazione e rendicontazione su aspetti ESG in tutte le borse europee.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*