Decreto legge sul clima, ecco le utility che potrebbero beneficiarne

Dalle prime bozze dell’atteso Decreto sul clima (ancora in elaborazione per alcune sezioni) emergono i seguenti punti di particolare interesse, a detta degli analisti di Equita:

  1. Misure sul miglioramento della qualità dell’aria, principalmente indirizzate al sostegno della mobilità ad impatto zero nelle aree metropolitane (anche attraveso sussidi alla sostituzione dei veicoli più inquinanti), al rimboschimento, ai parchi, alla riduzione dei sussidi dannosi (ie quelli per gli energivori).
  2. Misure urgenti in materia di economia circolare, attraverso agevolazioni fiscali all’uso dei prodotti sfusi e alla velocizzazione della pianificazione di emergenza per gli impianti di stoccaggio e trattamento dei rifiuti.

I possibili benefici per le utilities quotate a Piazza Affari

A detta di Equita, per i power generators (A2a, Enel, Falck Renewables, Iniziative Bresciane, Erg, Iren e Alerion) nel lungo termine in termini di maggiore domanda dalla mobilità elettrica. Per gli operatori waste (Hera, A2a e Iren) in termini di crescita del segmento per trattamento e riciclo.

Si tratta tuttavia di misure che produrranno benefici nel medio/lungo termine.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*