Elezioni Usa e mercati obbligazionari, NN IP: impulso fiscale più ampio con Biden

Gli elettori statunitensi sceglieranno il prossimo presidente e i membri del Congresso il 3 novembre. In che modo l’esito delle elezioni americane influenzerà i mercati fixed income? Secondo NN Investment Partners (NN IP), una vittoria di Joe Biden e la probabile impennata di ulteriori stimoli fiscali avrebbe un impatto maggiore rispetto a una vittoria di Donald Trump. “Un impulso fiscale più ampio, probabile sotto la presidenza di Biden, è più importante per i mercati che non le preoccupazioni per le normative e gli aumenti delle tasse“, dice Marco Willner, Head of Investment Strategy di NN Investment Partners. Di seguito la sua visione.

Elezioni Usa, l’impatto sulle valute

La politica monetaria, la politica commerciale e la politica fiscale sono i fattori chiave nelle nostre view sul dollaro Usa rispetto all’euro e sulle valute emergenti. Sul fronte della politica monetaria, la Federal Reserve statunitense manterrà i tassi vicini allo 0% e continuerà ad acquistare obbligazioni. Questa posizione accomodante e l’ampia liquidità del dollaro sono di supporto per le valute dei mercati emergenti. Le previsione sul cambio euro/dollaro dipendono maggiormente dalle differenze di politica monetaria. La Fed sposterà probabilmente le aspettative di inflazione più vicine all’obiettivo rispetto alla Bce, il che implica tassi reali statunitensi relativamente bassi che potrebbero sostenere l’euro rispetto al dollaro.

La differenza tra i due candidati sulla politica commerciale è principalmente nella forma e nella tattica. Entrambi vogliono proteggere le industrie statunitensi e mantenere la leadership globale nell’Information Technology. Se Trump vincerà le elezioni, un’ulteriore escalation del conflitto commerciale con la Cina è una possibilità che potrebbe portare a un dollaro più forte, sia rispetto all’euro che rispetto alle valute emergenti.

Un impulso fiscale più ampio, probabile sotto la presidenza Biden, è più importante per i mercati che non le preoccupazioni per le regolamentazioni e gli aumenti delle tasse. Tale stimolo andrebbe probabilmente a beneficio delle valute emergenti, in quanto una maggiore spesa per le infrastrutture potrebbe stimolare la domanda di materie prime. Un impulso fiscale statunitense più ampio dovrebbe stimolare i tassi reali, tradizionalmente visti come valuta positiva rispetto all’euro. Ciò potrebbe compensare la pressione al ribasso dei tassi reali con una politica monetaria più semplice. Per l’euro, gli sviluppi sul recovery fund dell’Ue, il Covid-19 e la Brexit potrebbero essere fattori trainanti più importanti.

La potenziale risposta di politica fiscale sarà fondamentale. Una presidenza Biden sarebbe più positiva per le valute emergenti rispetto a una presidenza Trump. Secondo le nostre stime, i piani di entrambi i candidati porteranno a una significativa fornitura di buoni del tesoro che coprirà la maggior parte del fabbisogno di finanziamento aggiuntivo. L’aumento dell’offerta di obbligazioni e il miglioramento delle condizioni macroeconomiche sotto una presidenza Biden dovrebbe esercitare una pressione al rialzo sui rendimenti del Tesoro statunitense nel corso del prossimo anno.

Fondamentali del credito corporate Usa e i settori chiave

Le politiche di Trump, attente alla riduzione delle tasse, alla deregolamentazione, alla crescita e al libero mercato, sono generalmente più favorevoli per i mercati finanziari e le imprese. Biden cercherebbe di invertire alcuni dei tagli fiscali di Trump, aumentando le tasse sulle società e concentrandosi maggiormente sull’energia verde, sulla sanità e sul commercio. Questi risparmi fiscali sono andati a vantaggio della maggior parte delle società statunitensi, anche se gran parte dei benefici fiscali sono andati agli azionisti.

Biden propone inoltre di più che raddoppiare il salario minimo federale entro il 2026. I costi salariali più elevati comprimeranno probabilmente i margini di profitto, anche se la spesa dei consumatori in alcune categorie potrebbe subire un cambiamento positivo se i lavoratori a basso reddito avessero un salario più disponibile.

Il settore healthcare trarrebbe vantaggio da un congresso diviso o da una vittoria di Biden

Un congresso diviso è generalmente ottimale per le società sanitarie perché limita la capacità di ciascuna parte di riformare la politica esistente. Anche se crediamo che l’Affordable Care Act sarà in ultima analisi confermato, una “Blue Wave” si tradurrebbe probabilmente in sforzi per rafforzare la legge esistente. Biden sostiene anche una “opzione pubblica” per l’assicurazione sanitaria, soprattutto per ampliare la copertura dei cittadini a basso reddito. Riteniamo che una vittoria di Biden si tradurrebbe in un’espansione o in un mantenimento della copertura, che sarebbe di supporto per lo spazio sanitario.

Rafforzare la transizione energetica … o la produzione di petrolio?

Il piano di Biden “Clean Energy Revolution” prevede una spesa di 1,7 trilioni di dollari in dieci anni. Biden intende inoltre aderire all’accordo di Parigi e proibire nuovi permessi di trivellazione su terreni federali, che si stima rappresentino il 25% della produzione di petrolio e il 10% della produzione di gas negli Stati Uniti. Mentre molte delle politiche previste da Biden sono suscettibili di ridurre l’offerta basata negli Stati Uniti, i suoi proposti requisiti di efficienza dei veicoli potrebbero ridurre la domanda di petrolio negli Stati Uniti. Il sostegno del presidente Trump all’energia si è concentrato principalmente sulla produzione di posti di lavoro legati al settore e meno sulle potenziali iniziative per l’energia verde.

Il settore finanziario continuerà a beneficiare di un’amministrazione Trump

Le società finanziarie, che sono state tra i maggiori beneficiari dei tagli fiscali del 2017, sarebbero le più vulnerabili se tali tagli fossero invertiti dopo le elezioni. Un’amministrazione Biden sarebbe certamente meno positiva per le banche rispetto a un’amministrazione Trump, ma ci aspettiamo che le iniziative di Biden siano più mirate e meno radicali rispetto alle azioni intraprese da Obama. Le politiche fiscali e di libero mercato di Trump sono a sostegno delle istituzioni finanziarie, così come un contesto normativo sempre più semplice.

Gli effetti delle elezioni sui fattori Esg e sull’investimento responsabile

Le proposte di Biden e la sua sponsorizzazione dell’energia pulita e della parità di accesso all’assistenza sanitaria, ai servizi finanziari e a salari equi sono generalmente più in linea con l’attenzione di NN IP per l’investimento responsabile rispetto a quella di Trump, che è più favorevole alle imprese e agli azionisti, con un’attenzione alla crescita e a una regolamentazione limitata.

Una presidenza Biden potrebbe portare a un’emissione del Tesoro statunitense “verde”, grazie alla quale gli Stati Uniti seguirebbero la tendenza globale dell’emissione di obbligazioni sovrane green? La spesa fiscale relativa ai suoi piani per l’energia pulita e le infrastrutture sostenibili consentirebbe di realizzare i progetti necessari per giustificare l’emissione verde, ma non abbiamo sentito commenti da nessuno dei due candidati che ci facciano prevedere un tale passo nel prossimo futuro.

L’incertezza crea opportunità

La nostra strategia di mercato per gli Stati Uniti in fase di elezioni è quella di mantenere un approccio neutrale. L’incertezza a breve termine è tangibile attraverso i mercati dei derivati su crediti, il che implica un potenziale impatto negativo sugli spread creditizi ben dopo il giorno delle elezioni. Il rischio di coda al ribasso deriva da una prolungata incertezza sui risultati e da un potenziale ritardo sugli stimoli fiscali dopo il Giorno dell’Inaugurazione, a gennaio. Consideriamo questa situazione come un’opportunità per acquistare e inclinare la nostra allocazione del settore creditizio verso le aree che trarranno i maggiori benefici dal nuovo quadro economico e normativo. Dal punto di vista dell’alto rendimento statunitense, i nostri portafogli sono attualmente posizionati con un rischio leggermente superiore al benchmark a causa della selezione dei titoli con un approccio bottom-up, con un’attenzione particolare alle opportunità in cui intravediamo un potenziale di miglioramento fondamentale e/o una liquidità sufficiente a superare l’attuale volatilità.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*