Enel entra in fase di accumulazione

Il titolo Enel è decisamente impostato al ribasso nel breve periodo. Dopo il massimo realizzato a metà luglio sul livello 8,539, infatti, l’azione ha intrapreso un andamento fortemente ribassista (in linea con l’indice FTSE/MIB di riferimento) che lo ha portato a realizzare un minimo lunedì scorso a quota 7,656, violando l’indicatore Supertrend e posizionandosi al di sotto anche della propria media mobile a 25 giorni. Solo nelle ultime sedute il mercato sembra aver arrestato la propria discesa creando una fase di congestione/accumulazione che potrebbe essere il preludio ad un parziale recupero delle quotazioni. Pertanto, l’analisi si concentra nell’individuazione di un supporto su cui entrare in posizione long a prezzi correnti (e ritenuti convenienti), inserendo uno stop loss vicino al minimo già citato.

Che lo scenario sia negativo, comunque, lo dimostra anche l’impostazione tecnica del mercato. I prezzi, infatti, sono da considerarsi ribassisti in base all’indicatore Supertrend, così come per l’indicatore Parabolic Sar e la media mobile a 25. Anche l’indicatore Macd ha già incrociato il proprio Signal. Da segnalare, inoltre, come l’indicatore RSI stazioni nella sua area di “neutralità”, nell’intorno del valore 46.

I segnali di oggi sul titolo Enel

Dal punto di vista operativo, secondo Finanzaoperativa.com, l’ingresso in posizioni long è consigliabile solo al superamento del livello 8,049 con un target nell’intorno dei 8,156 punti, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 7,656 con obiettivo sotto al livello 7,50.
(A.A.)

L’andamento di breve periodo del titolo Enel

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*