Energie rinnovabili: indicazioni positive dal decreto semplificazioni. I titoli sotto i riflettori

Indicazioni positive per il settore rinnovabili dalla bozza del decreto semplificazioni del Governo. Nel dettaglio, la bozza anticipa potenziali misure di semplificazione per:

  • le procedure autorizzative (VIA), con la riduzione dei tempi di risposta delle amministrazioni, procedure parallele per VIA e Conferenza dei servizi (attualmente sequenziali) e la creazione di una fast-track dedicata agli investimenti collegati al PNIEC (implementazione del Green Deal, rinnovabili, digitalizzazione, economia circolare, carburanti alternativi)
  • il repowering e lo spalma incentivi in particolare per gli interventi su impianti rinnovabili;
  • la ricarica dei veicoli elettrici;
  • le garanzie pubbliche di Sace a favore di progetti del new green deal.

Si tratta di misure rilevanti che possono significativamente ridurre i tempi di progettazione (in particolare la fast-track dedicata e la possibilità di espletare in parallelo le procedure VIA e Conferenza Servizi).

Secondo gli analisti di Equita i titoli che possono beneficiare queste possibili misure sono: Enel, Falck Renewables, Erg, Alerion, Iniziative Bresciane e Terna.

Positiva per Erg in particolare, sempre a detta di Equita, la possibilità di semplificare il repowering e lo spalma incentivi (che attualmente blocca la partecipazione alle aste per gli incentivi). L’eventuale eliminazione infatti rimuoverebbe il rischio merchant per il gruppo sulle attività nel settore eolico, motivo principale dello sconto rilevante rispetto agli altri player rinnovabili.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*