Eni alle prese con una formazione triangolare. I prossimi target tecnici

Eni sta disegnando una formazione triangolare il cui vertice, individuabile in area 14 euro (dove al momento transita la media mobile a 21 sedute), potrebbe rappresentare il punto di partenza di un uptrend dei corsi. Per avere però conferme in tal senso il titolo dovrà anche oltrepassare la trenline discendente, attualmente transitante per quota 14,20, che dalla seconda metà dello scorso luglio ne blocca i tentativi di rialzo.

I prossimi target tecnici di Eni

Dal punto di vista operativo, una volta eventualmente oltrepassata la suddetta resistenza dinamica discendente a 14,20 euro, i successivi target diventerebbero prima la zona compresa tra i 14,50 e i 14,60 euro e poi, eventualemente dopo una fase laterale di consolidamento di breve termine, in area 14,95/15,00, dove a inizio maggio era stato aperto un gap ribassista. Attenzione però: è essenziale posizionare uno stop loss a quota 13,90, dove ora coincidono il supporto statico di breve e quello ascendente di medio periodo.

Da notare poi che alla quotazione attuale Eni vanta un rendimento del dividendo del 5,60 per cento.

Il trend di Eni nel medio termine a Piazza Affari

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*