Farmaè, via al roadshow e al bookbuilding per la quotazione all’Aim

Farmaè, prima piattaforma omnicanale leader in Italia nell’e-retailing di prodotti per la salute e il benessere con una quota di mercato del 28%, ha avviato il roadshow di incontri con gli investitori italiani ed esteri per la quotazione sul segmento AIM Italia di Borsa Italiana. Insieme al roadshow viene aperto il processo di bookbuilding.

La società ha infatti presentato a Borsa Italiana la comunicazione di pre-ammissione, funzionale all’ammissione alle negoziazioni delle proprie azioni sul mercato AIM Italia.

L’operazione di IPO avverrà interamente attraverso un aumento di capitale.  La forchetta di prezzo è stata fissata tra un minimo di 7,5 euro e un massimo di 8,4 euro per azione, per una capitalizzazione pre-money della società compresa tra 33 milioni di euro e 37 milioni di euro. L’offerta si rivolge a investitori italiani ed esteri.

Grazie alla conoscenza dell’utente finale e al “dialogo interattivo” coi propri clienti, Farmaè – che ha chiuso il bilancio 2018 con 24,8 milioni di euro di ricavi, registrando una crescita annua (CAGR) del 93,8% dal 2015, e punta ai 40 milioni nel 2019 – rappresenta una “media platform” il cui valore è riconosciuto e apprezzato dalle principali big pharma e beauty company, con cui sono stati definiti importanti accordi di partnership per definire mirate strategie commerciali e di marketing e comunicazione.

“Siamo di fronte a una grande opportunità di crescita – commenta Riccardo Iacometti, fondatore e CEO di Farmaè – poiché la Borsa ci consentirà di sostenere i nostri piani di sviluppo, raccogliendo i capitali utili a consolidare la nostra leadership di mercato. Investimenti in logistica e nuove tecnologie, ampliamento dell’offerta prodotti, consolidamento della strategia omnicanale sono gli ambiti su cui vogliamo lavorare per incrementare il nostro vantaggio competitivo”.

Con un portale che nel 2018 ha raggiunto oltre 13 milioni di visitatori (dai 5,5 milioni del 2016) e un tasso di conversione all’acquisto superiore alla media nazionale, soprattutto grazie a innovative strategie digitali, Farmaé ha registrato 523 mila ordini (111 mila del 2016) da quasi 229 mila utenti attivi (67 mila nel 2016), per 2,7 milioni di prodotti venduti (700 mila del 2016).

Nel processo di quotazione Farmaè è affiancata da Alantra che ricopre il ruolo di global coordinator, nomad e bookrunner, financial advisor è UBS, advisor legale e fiscale è Pedersoli Studio Legale, la società di revisione è Deloitte & Touche, CDR Communication supporta l’attività di Investor Relations e la società di comunicazione è SEC SpA.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*