Fiducia degli investitori in aumento di 3,3 punti a settembre

State Street Global Markets ha pubblicato i dati relativi allo State Street Investor Confidence Index (Ici) per il mese di settembre 2019. A livello globale l’indice sulla fiducia degli investitori è salito di 3,3 punti, a quota 80,1, rispetto ai 76,8 punti del mese di agosto. L’incremento del sentiment è stato guidato da un aumento di 18,5 punti in Europa, dove l’indice ha raggiunto i 107,6 punti. Trend inverso in Nord America, dove l’indice è calato a 71,8 punti dai 73,5 del mese scorso. Stesso discorso per l’Asia, regione in cui la fiducia degli investitori è scesa a 87,4 punti dai precedenti 89,3.

“A settembre la fiducia degli investitori globali ha registrato un modesto incremento, in quanto le banche centrali di tutto il mondo hanno intensificato i loro sforzi verso politiche monetarie più accomodanti e le speranze che si possa giungere a una tregua nella guerra commerciale Usa-Cina sono nuovamente aumentate”, ha dichiarato Michael Metcalfe, senior managing director e responsabile Global Macro Strategy di State Street Global Markets. “Tuttavia, non è ancora arrivato il momento di farsi prendere dall’entusiasmo. L’indice ha superato solo marginalmente i livelli di inizio 2019 e rimane significativamente al di sotto del livello neutrale (100), che si raggiungerebbe solo se gli investitori incrementassero le proprie posizioni in asset di rischio. Proprio come i responsabili acquisti nel settore manifatturiero, gli investitori continuano ad adottare un atteggiamento prudente, anche se questo mese la cautela è leggermente diminuita”.

“L’aumento della fiducia degli investitori in Europa è dovuto principalmente alla riallocazione verso il Regno Unito. Gli investitori professionali sembrano credere che il Ftse – che da luglio ha perso il 10%, tornando ai livelli toccati prima del voto sulla Brexit del 2015 – rappresenti un’opportunità di investimento seppur temporanea. L’intensa attività di investimento registrata a inizio settembre è successivamente diminuita per effetto dell’aumento dei corsi azionari. Questi flussi e le fluttuazioni dei prezzi sono comprensibilmente volatili, visti i continui aggiornamenti sulla probabilità che si giunga a una Brexit no-deal senza un adeguato percorso”, ha affermato Kenneth Froot di State Street Associates, divisione di servizi di ricerca e consulenza di State Street Global Markets.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*