Wall Street e l’economia reale, universi paralleli

wall street

A cura di Mobeen Tahir, Associate Director Research di WisdomTree

Gli investitori dell’indice composito del Nasdaq Composite Index hanno parecchio di cui rallegrarsi. Hanno infatti ottenuto quasi l’11% dei rendimenti totali dall’inizio dell’anno. Per loro, il 2020 a Wall Street è stata una buona annata. Per gli investitori la cui fortuna dipende dall’indice S&P500, c’è un po’ di agitazione nell’aria perché i loro rendimenti non sono stati altrettanto brillanti.

Oltre Wall Street, nelle strade americane, 20 milioni di posti di lavoro sono andati persi nel mese di aprile, e solo 2,8 milioni sono stati recuperati a maggio. A partire dai dati pi recenti di giugno, la disoccupazione negli Stati Uniti si attesta ora al 13,3%, contro il 3,5% di febbraio. L’economia statunitense ha subito una contrazione del 5% su base annua nel primo trimestre, secondo le stime corrette. Con i lockdown che hanno fermato tutte le attività economiche, i dati sulla crescita del secondo trimestre saranno pi preoccupanti. Il già citato recupero di 2,8 milioni di posti di lavoro a maggio è stato ampiamente celebrato a Wall Street, mentre gli americani hanno erano in attesa dei loro assegni di sostegno da parte del governo per poter arrivare a fine mese.

Wall Street e il Paese reale sono stati strettamente collegati in passato. Ora sembrano esistere in realtà diverse. I prezzi delle azioni pronosticano le attività future. Ciò dipende fortemente dallo stato dell’economia sottostante. I rendimenti azionari nella seconda metà di quest’anno dipenderanno proprio da questo aspetto fondamentale: il mercato sta facendo il passo più lungo della gamba, o i prezzi delle azioni stanno prevedendo correttamente ciò che potrebbe rivelarsi una ripresa delle attività economiche pi rapida del previsto?

Dove si colloca la Federal Reserve

Dopo un forte crollo a metà marzo, quando la pandemia di coronavirus ha stritolato i mercati, le azioni si sono riprese fortemente. Molti hanno “comprato a buon prezzo” aiutando i mercati a invertire la tendenza e a costruire un momentum positivo. I mercati hanno trovato conforto nelle previsioni economiche del Fondo Monetario Internazionale e delle banche centrali di tutto il mondo che hanno pronosticato una forte ripresa nel 2021.

Il deus ex machina, tuttavia, è stato l’intervento della Federal Reserve statunitense e di altre banche centrali di tutto il mondo. L’eventuale effetto di stimolo monetario sull’economia reale non è immediato. La crescita arriva quando le persone spendono denaro. Ma la gente si trattiene nei momenti di maggiore incertezza. Se la situazione occupazionale di una persona è precaria, è improbabile che vada a comprare una nuova auto o una nuova casa, anche quando i tassi sono bassi. Lo stimolo monetario, tuttavia, aggiunge un’immediata iniezione di liquidità sui mercati finanziari. Ma gli investitori stanno aggiungendo rischi ai loro portafogli acquistando azioni perché le azioni sono appetibili o perché “non c’è alternativa”? Se le alternative più sicure hanno rendimenti nulli o addirittura negativi, gli investitori sono costretti a correre più rischi?

Ignorare i rischi non li fa sparire

Giovedì 11 giugno l’indice S&P 500 è sceso di circa il 6% quando le desolanti prospettive economiche presentate dalla Fed hanno colto di sorpresa i mercati. Il Cboe Volatility Index (Vix) è salito da 27 a quasi 44 il giorno stesso in cui gli investitori si sono precipitati a cercare protezione. I mercati si sono nuovamente ripresi il 16 giugno, quando la Fed ha ribadito la sua decisione di acquistare obbligazioni societarie. Il salvagente Fed è entrato in azione, mettendo ancora una volta sotto i prezzi una soglia di prezzo da cui potersi rialzare. La realtè economica sottostante è rimasta però invariata.

All’orizzonte si profilano una serie di rischi: una seconda ondata della pandemia potrebbe costringere i governi a inasprire nuovamente le restrizioni; l’aumento dei fallimenti potrebbe danneggiare la fiducia delle imprese; i posti di lavoro persi potrebbero non essere recuperati; e, ahimé la ripresa economica a forma di “U” potrebbe trasformarsi in una “W”. E questo senza prendere in considerazione le guerre commerciali che hanno afflitto i mercati per gli ultimi due anni!

Un approccio più intelligente per gestire i rischi

Un approccio difensivo potrebbe aiutare a gestire i rischi che vediamo attualmente sui mercati. Ciò non significa rinunciare a potenziali guadagni al rialzo. Al contrario, assumere un approccio difensivo è più come adottare un approccio bilanciato all’investimento. Significa riconoscere i rischi e costruire la resilienza del portafoglio per ottenere un risultato migliore nel tempo. Si tratta di avere una consapevolezza di ciò che sta accadendo nel paese reale. Si tratta di costruire un portafoglio che non rimanga colpito quando una banca centrale afferma l’ovvio, come la Fed che dice che la pandemia globale in corso creerà difficoltà economiche.

Gli asset difensivi fanno il loro dovere proprio quando servono di più. Si consideri la forte sovraperformance dell’oro rispetto alle azioni quest’anno. In un portafoglio, l’oro non sostituisce le azioni, ma le integra. Anche altre asset class difensive fanno lo stesso, anche se in modi diversi. E forse sarebbe il caso che Wall Street prendesse di nuovo in considerazione il Paese reale. Di cui fa parte.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*