Fondi, Pictet Alternative Advisors ora punta anche sul direct real estate

fondi pensione

Pictet Alternative Advisors, l’entità specializzata negli investimenti alternativi con capitale interamente detenuto dal gruppo Pictet, ha allargato la propria gamma di strategie real estate con il lancio di un fondo di direct real estate per gli investitori professionali.

La nuova strategia sarà gestita da un team di 14 persone guidato da Zsolt Kohalmi. Kohalmi ha maturato oltre 20 anni e 20 miliardi di dollari di esperienza negli investimenti di private real estate.

Il fondo investirà nelle attività di real estate europee e società collegate in tutti i settori – come gli uffici, gli immobili per abitazione, le residenze per studenti e per anziani, nonché gli spazi più piccoli per l’industria. Esso si focalizzerà su segmento di medie dimensioni del mercato real estate, mirando a investire nelle smart city e nelle gateway city nell’Europa occidentale. Il fondo si avvale del supporto locale dei responsabili paese per il real estate in sei uffici Pictet in Europa (Regno Unito, Germania, Svezia, Spagna, Lussemburgo e Svizzera).

«L’Europa, su base corretta per il rischio, rimane una opportunità d’investimento estremamente interessante nel real estate. L’Asia ha cap rate molto bassi, il che si traduce in un valore capitale eccezionalmente elevato, gli Stati Uniti sono molto avanti nel ciclo e hanno un contesto di tassi d’interesse più alti che potrebbero alla fine portare a una espansione dei cap rate. Nel contempo, l’Europa ha cap rate stabili a causa del perdurare di tassi d’interesse bassi, e sta ultimamente registrando una crescita delle locazioni, ciò che la rende a nostro avviso il mercato globale più interessante per l’investimento nel real estate su base corretta per il rischio», ha detto Kohalmi.

«La volatilità in alcuni mercati europei nei prossimi anni, ad esempio il Regno Unito per la Brexit, creerà interessanti opportunità di punti di ingresso, da qui l’importanza della presenza locale in sei uffici per ricevere la «prima chiamata» per una transazione.» Anche i fondamentali sottostanti sono solidi, ha spiegato.

«La domanda di conduzione di immobili è aumentata negli ultimi due anni in concomitanza con il calo della disoccupazione nell’eurozona sotto il 7% per la prima volta dalla recessione. Questo incremento della domanda ha portato a percentuali di uffici non locati  sotto il 5%, con una potenziale spinta all’aumento dei canoni di affitto in termini reali.

A causa della scarsa disponibilità delle banche a concedere prestiti, negli ultimi 10 anni in Europa le operazioni di ristrutturazione/costruzione di nuovi immobili sono state significativamente inferiori alla media a lungo termine. Unitamente all’evolversi delle esigenze e dei desiderata dei conduttori, la tecnologia e l’esigenza di immobili più efficienti dal punto di vista ambientale stanno sempre più influenzando la domanda. Questo crea ottime opportunità per realizzare gli immobili che attualmente scarseggiano. «Anche le tendenze demografiche hanno una influenza cruciale. I Millenials vogliono abitazioni per single e solitamente preferiscono prendere in affitto anziché acquistare».

«Vi è poi una sempre maggiore esigenza di residenze specializzate per la crescente popolazione anziana europea e, sull’altro estremo, sta aumentando la domanda da parte degli studenti internazionali in arrivo».

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*