Ftse Mib, avanti con cautela e tra i titoli non mancano le buone occasioni

Intervista di Davide Pantaleo (TrendOnline) a Gianluigi Raimondi, analista tecnico e co-fondatore di Finanzaoperativa.com del 28 settembre 2017

L’indice Ftse Mib continua a mostrare una buona intonazione, mantenendosi sui massimi dell’anno. Quali scenari è possibile ipotizzare per le prossime sedute?

Anche se molte banche d’affari invitano a puntare sulle Borse europee piuttosto che su Wall Street, a mio parere se i listini americani dovessero avviare una correzione, i mercati europei scenderanno a leva.
Premesso ciò e ammesso ma non concesso che Wall Street continui a salire, per il Ftse Mib non posso che ripetere quanto detto la scorsa settimana, ossia che l’indice sta salendo molto gradualmente, con un coefficiente angolare contenuto. Questo permette di tenere gli indicatori e gli oscillatori tecnici sufficientemente distanti dalla zona di ipercomprato e ciò favorisce un ulteriore allungo dei corsi. In quest’ottica oltre i 22.750 punti già segnalati la scorsa settimana, il prossimo obiettivo è sulla soglia dei 23.000 punti che a mio avviso l’indice riuscirà ad oltrepassare. Oltre la soglia appena segnalata vedo però una fase laterale di consolidamento, con possibili allunghi di breve termine in area 23.250.
A chi volesse acquistare suggerirei di fissare uno stop loss a 22.380 punti, dove al momento transita il supporto dinamico ascendente di lungo termine.

Nel settore bancario come valuta i recenti sviluppi positivi registrati da Bper Banca e Banco BPM?

Bper Banca nelle ultime sedute ha inviato dei segnali decisamente positivi perchè i corsi hanno incrociato al rialzo le medie mobili a 21 e a 50 giorni a 4,7/4,75 euro e in seguito ha oltrepassato a quota 4,9 euro la trendline discendente di breve termine.Ieri poi a 5 euro è stata superata la resistenza statica di medio-lungo termine e i prossimi obiettivi al rialzo li possiamo individuare a 5,33 euro, massimo dello scorso maggio. In seguito Bper Banca potrebbe allungare il passo verso i 5,5 euro e in seguito in direzione del top di inizio anno a 5,795 euro.
A chi volesse acquistare il titolo suggerire di fissare uno stop loss a 4,95 euro.

Banco BPM ha oltrepassato a quota 3,4 euro un’importante resistenza statica di breve termine e presenta ulteriori spazi di crescita con obiettivo a ridosso dei 4 euro in primis e in seguito a 4,5/4,6 euro.
Un acquisto del titolo andrà corredato da uno stop loss a 3,4 euro.

Qual’è il suo giudizio su Telecom Italia? Quali indicazioni operative ci può fornire per questo titolo?

Dal punto di vista tecnico su Telecom Italia si avrebbe una conferma rialzista solo nel caso in cui i corsi confermeranno l’incrocio al rialzo a 0,82 euro della media mobile a 50 giorni. Se ciò non avverrà, a mio parere il titolo o resterà in trading range sui livelli attuali, o addirittura potrebbe accusare una nuova fase correttiva.
Oltre quota 0,82 euro avremo un primo target a 0,85 euro e in seguito a 0,9 euro.

Come valuta l’attuale impostazione di Banca Generali? Consiglierebbe di acquistare il titolo sui livelli attuali?

Banca Generali ha generato nelle ultime sedute due bei segnali rialzisti: uno è l’incrocio a quota 28,2 euro della media mobile a 21 sedute e l’altro è l’incrocio a 28,7 euro della media mobile a 50 giorni.
Gli indicatori tecnici sono ancora molto distanti dalla zona di ipercomprato e come per l’indice il coefficiente angolare della salita è molto contenuto. Il primo obiettivo rialzista è a 29,45 euro e in seguito nell’area compresa tra i 30 e i 30,5 euro, con stop loss molto rigido sotto quota 28,2 euro.

Ci sono altri titoli che vuole segnalarci a Piazza Affari?

Sto seguendo BB Biotech che ha oltrepassato di slancio ieri la resistenza statica di media termine a 56 euro, andando a testare a quota 57,3 euro il precedente massimo segnato a marzo scorso.
Vista la veemenza dell’uptrend, direi che BB Biotech potrebbe ulteriormente salire e oltrepassare la soglia dei 58 euro, con successivo approdo in area 58,3 euro.