Ftse Mib in cerca di conferme. Le blue chip sotto la lente

Intervista di Davide Pantaleo (TrendOnline) a Gianluigi Raimondi, analista tecnico e fondatore di FinanzaOperativa.com del 20 marzo 2020

Il Ftse Mib sta dando seguito al rimbalzo di ieri e ha anche provato a riagganciare quota 16.000. Questo recupero durerà ancora nel breve?

Il timore, e non è solo mio, è che quello in atto possa rivelarsi un rimbalzo del gatto morto per il Ftse Mib.
Dal punto di vista squisitamente tecnico, solo un ritorno dell’indice sopra quota 17.800 punti potrebbe a mio avviso innescare una credibile inversione al rialzo.

Molto probabilmente per il Ftse Mib potremmo assistere ad una ripresa ad U e non a V, vista la situazione generale legata al coronavirus. In caso di superamento di area 17.800 l’indice punterà ai 18.355 punti prima, con successivi allunghi verso l’area compresa tra i 19.250 e i 19.485 punti.

Da notare però che a mio avviso questi livelli non saranno raggiunti nel breve termine dal Ftse Mib, per il quale suggerisco uno stop loss molto rigido sotto il minimo registrato nei giorni scorsi in area 14.150. Nel breve termine propenderei ad una fase laterale per il Ftse Mib, tendendo ad escludere per il momento nuovi crolli dei corsi come quelli visti fino ad ora.

Banco BPM e Ubi Banca oggi restano indietro rispetto agli altri bancari. Quali strategie ci può suggerire per entrambi?

Ubi Banca sta cercando di consolidare con un trading range intorno ai 2,28 euro e solo un ritorno dei corsi sopra i 2,5 euro potrebbe innescare un rialzo credibile con target a 2,9 euro prima e in seguito a 3,13 euro, dove è stato lasciato aperto un gap-down. Un acquisto di Ubi Banca dovrà essere accompagnato a mio avviso da uno stop loss sotto 2,12 euro.

Anche Banco BPM sta lateralizzando al momento e in questo caso la resistenza cruciale da superare è posta a quota 1,37 euro. Oltre questo livello il titolo potrebbe andare a chiudere prima il gap ribassista aperto a 1,47 euro e poi eventualmente tornare sopra quota 1,6 euro. A chi volesse puntare su Banco BPM suggerisco di piazzare uno stop loss tassativo a 1,106 euro.

Eni si sta riportando oggi sopra i 7 euro, complice anche una ripresa del petrolio. Il peggio è alle spalle per questo titolo?

Premetto che come ben sappiamo il petrolio non è messo bene dal punto di vista dei fondamentali per via del calo della domanda a causa del coronavirus, senza dimenticare le questioni geopolitiche relative alla diatriba tra Arabia Saudita e Russia, con la contrarietà di quest’ultima a tagliare la produzione.

Detto ciò, Eni sta timidamente accennando ad una possibile ripresa, anche perchè l’ipervenduto è forte ancora.
I prossimi target al rialzo li individuo a quota 8 euro prima a 9,05 euro ed eventualmente oltre la soglia dei 10 euro, dov ENI ha lasciato aperto un ampio gap-down. A chi volesse posizionarsi sul titolo ora consiglierei di fissare uno stop loss molto rigido sotto quota 6,25 euro.

Enel oggi guadagna terreno dopo i dati completi del 2019 diffusi ieri in serata. Cosa può dirci di questo titolo?

Enel ha quasi richiuso il gap ribassista aperto a quota 6,42 euro lo scorso 12 marzo, fermandosi però oggi a 6,35 euro, massimo di seduta. Oltre i 6,5 euro, che a mio parere diventa la prima resistenza importante da oltrepassare, individuo come prossimi target per Enel i 7 euro prima e, dopo una fase laterale di consolidamento, a quota 7,4 euro. Un acquisto del titolo a mio avviso andrà corredato da uno stop loss che fisserei sul supporto dinamico ascendente che al momento passa per quota 5,8 euro.

Fca reagisce oggi dopo essere stato bersagliato da forti vendite fino a ieri. Qual è la sua view su questo titolo?

Per analizzare Fca devo settare il grafico su base weekly e questo dice già tutto di quanto la ripresa potenziale sia ancora decisamente precaria. Al momento non rischierei a prendere questo coltello che cade ancora, visto che non vedo segnali di ripresa, se non timidissimi. Non escludo che Fca possa scendere a segnare nuovi minimi in area 4,8 euro, fermo restando che al momento sono molto scettico su questo titolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*