Gismondi 1754, l’analisi fondamentale di Market Insight

Il gruppo genovese Gismondi 1754  a fine marzo registra ricavi in crescita del 57% a 0,7 milioni, ma sul 2020 pesano le incognite per il Covid-19. Il 2019 è stato invece un anno “straordinario”, caratterizzato dalla riorganizzazione societaria e culminato con il debutto in Borsa del 18 dicembre. I ricavi 2019 sono comunque aumentati del 4% a 5,9 milioni, ma l’Ebitda è sceso del 13% a 0,85 milioni ed i margini flettono dal 17,3% al 14,5% per i maggiori costi di marketing e lo slittamento di una vendita a gennaio 2020. Elementi che si sono riflessi anche sull’Ebit, diminuito del 32% a 0,6 milioni di euro e sull’utile, che si dimezza a 0,3 milioni, mentre l’esercizio si chiude con una liquidità netta di 3,4 milioni grazie ai 5 milioni raccolti con l’Ipo. Clicca qui per continuare a leggere l’analisi fondamentale di Market Insight.

        1. Modello di Business
        2. Ultimi Avvenimenti
        3. Conto Economico
        4. Stato Patrimoniale
        5. Ratio
        6. Strategia
        7. Outlook
        8. Borsa

Modello di Business

Gismondi è un’antica gioielleria italiana che opera, sin dal 1754, nella creazione, produzione e commercializzazione di gioielli di altissima gamma a marchio proprio. Il valore aggiunto del prodotto è determinato dall’impiego prevalente di pietre preziose e dall’elevata artigianalità che combina design classico e contemporaneo.

Massimo Gismondi, settima generazione della famiglia fondatrice, nel 2011 ha dato impulso al business della storica gioielleria con l’avvio del processo di internazionalizzazione.

Il brand è oggi distribuito a livello retail in boutique dirette in Italia e Svizzera (Genova, Milano, Portofino e St. Moritz), cui si aggiungono il franchising a Praga e altri 12 negozi multibrand, tra Italia, Usa e Russia. Inoltre, la commercializzazione avviene anche attraverso vendite concluse direttamente da Massimo Gismondi di gioielli tailor made (di cui segue personalmente creazione e produzione) in base alle esigenze dei clienti che lo stesso incontra all’interno delle boutique o nel contesto di fiere ed esposizioni o su loro richiesta (special sales).

Per continuare a leggere l’analisi di Market Insht clicca qui.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*