Goldman Sachs premia le big cap petrolifere: i buy sono 5 su 6

goldman sachs i giudizi buy sui titoli delle aziende attive nel settore del petrolio

Dopo le previsioni sul Pil e sui settori più colpiti dall’emergenza economica dettata dal coronavirus, Goldman Sachs si concentra su un altro dei temi più caldi di queste settimane: il petrolio. Nel suo ultimo report, infatti, la nota banca statunitense ha reso noti i giudizi e i target price sui titoli del settore petrolifero.

E, nonostante il forte calo delle quotazioni dell’oro nero, tuttavia gli analisti di Golman Sachs rimangono molto fiduciosi nei loro giudizi sui principali titoli del settore petrolifero. Tant’è che i “buy” sono 5 su 6.

Goldman Sachs: il giudizio sui titoli petroliferi

Partendo proprio dai titoli delle aziende petrolifere che hanno ottenuto il giudizio buy di Goldman Sachs, tra i migliori spicca BP. Secondo gli analisti della banca americana, l’azienda inglese “è in procinto di fornire uno dei gasdotti più forti del settore nuovi progetti di petrolio e gas. Inoltre, offre uno dei più alti rendimenti FCF e dividendi, rispettivamente il 10% e il 9,8% per il 2020”.

Positivo e quindi buy anche il giudizio per Total. Secondo Goldman Sach, infatti, l’azienda francese “è offre un flusso di cassa resiliente (tra l’11 e il 12%) e interessanti rendimenti in contati per gli azionisti”. Sulla stessa scia anche Repsol e RD Shell che, secondo gli analisti della banca americana, “offrono attualmente degli interessamenti rendimenti in contanti agli azionisti”. Shell in particolare garantisce un rendimento del 10,4%”

Infine, ultimo buy anche per Eni. Secondo Goldman Sachs l’azienda italiana “si si sta trasformando in un business a rendimento più elevato, secondo le nostre stime, guidato da successo esplorativo, cessioni e una solida pipeline di start-up di progetti”. 

L’unico giudizio sell è, invece, affidato al titolo Galp “nonostante – sottolineano gli analisti della banca americana – il suo portafoglio di attività in Brasile e in Messico risulti attraente”.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*