I Buy di oggi da Autogrill a Saipem

BUY

Per gli analisti di Banca Imi valgono un buy Autogrill con target price di 12,30 euro (il gruppo è tra gli interessati all’acquisto delle attività di catering di Elior sulla cui cessione la società francese sta lavorando con alcune banche d’affari, puntando a una valorizzazione di un miliardo di euro), Banca Ifis con prezzo obiettivo di 27,10 euro (le banche italiane nel 2017 hanno chiuso posizioni di crediti in sofferenza per 43 miliardi, al massimo dal 2006, grazie al boom di cessioni sul mercato, con un prezzo mediamente al 17% dell’esposizione lorda), Erg con fair value di 23 euro in scia all’annuncio dell’emissione di un bond non corvertibile per un massimio di 1 mld di euro, SeSa con target sotto revisione (nuovo accordo con Missoni) e Telecom Italia con obiettivo anch’esso sotto revisione (l’autorità per le telecomunicazioni Agcom lancia una consultazione pubblica sul piano separazione rete pervenuto da Telecom Italia e ha ridefinito il quadro regolatorio e i prezzi di accesso per il periodo 2019-21). Giudizio add inoltre per Banca Mediolanum con target di 6,30 euro (chiusura di un contenzionso sulla tassazione) e Poste Italiane con obiettivo di 9 euro (stop alla ricerca di un partner per entrare nel busiuness delle assicurazioni auto).

Proseguendo, Banca Akros giudica buy Cnh Industrial con target price di 12,60 euro (l‘UE stia prendendo in considerazione limiti di emissione di CO2 molto più stretti per i camion), doBank con prezzo obiettivo di 12,50 euro in scia a un accordo con Iccrea per la gestione degli Npl da 2 mld di euro, Gamenet con fair value di 15 euro (confermato a 15-20 mln di euro l’impatto della nuova tassazione), Leonardo con target di 13,25 euro (nuovo contratto in russia da 60 mln di euro circa), Mondadori con obiettivo di 2 euro (chiusura dei magazine in Francia postposta a gennaio), Recordati con fair value di 39,10 euro (accordo con Helsinn per la distribuzione da parte della controllata del gruppo italiano Orphan Europe di Ledaga, un medicinale contro il cancro) e Saipem con target di 6,40 euro in scia a un nuovo contratto da 1,2 mld di dollari nel Mediterraneo al largo delle coste egiziane. 

Sempre Banca Akros valuta inoltre accumulate Saipem con obiettivo di 5,75 euro (molto vicina, secondo indiscrezioni stampa, a chiudere la vendita della sua quota nella joint venture EF Solare al socio F2i per circa 200 milioni di euro) e Mediobanca con fair value di 10 euro (MBCredit Solutions, società del gruppo dedicata alla gestione dei crediti non performing, ha acquistato dal gruppo Bper Banca un portafoglio di crediti deteriorati da 200 milioni di euro, che si aggiunge ad altre operazioni condotte negli ultimi mesi per un valore nominale complessivo di 600 milioni totali).

Ancora, Mediobanca assegna un outperform ad Autogrill con obiettivo di 12,90 euro, Coima Res con target di 9,32 euro (il ceo Manfredi Catella e altri manager hanno acquistato circa 14mila azioni del gruppo), Enel con fair value di 5,40 euro (Open Fiber ha vinto la terza asta pubblica sulla banda larga), Eni con target di 21 euro (scoperto un nuovo giacimento di gas in Indonesia), Iren con fair value di 2,80 euro (il comune di Genova ha completato l’acquisizione di una quota pari al 2,5%), Telecom Italia con obiettivo di 0,93 euro e Tinexta con fair value di 8,60 euro (partnership con Intesa Sanpaolo).