I Buy di oggi da Autogrill a UBI Banca

buy

Per gli analisti di Banca Imi valgono un buy Abitare In con prezzo obiettivo di 42,30 euro (venduti appartamenti del progetto Milano City Village per 78 mln di euro in termini di contratti preliminari), Fincantieri con target price di 1,33 euro in scia all’ottenimento di un nuovo appalto dalla marina militare Usa e Telecom Italia con fair value di 0,76 euro (il fondo Elliott, che esprime la maggioranza del consiglio di amministrazione, vuole che si proceda rapidamente con lo scorporo della rete fissa, mossa che ritiene sarebbe in linea con quanto richiesto da AgCom). Giudizio add inoltre per Generali con obiettivo di 16,20 euro dopo il completo collocamentgo di un bond da 500 mln di euro e UBI Banca con target di 3,90 euro (nessun interesse secondo il presidente Andrea Moltrasio, per Mps e Carige).

Ancora, Mediobanca assegna un outperform ad A2a con prezzo obiettivo di 1,70 euro in scia a un possibile interessamento per gli asset di Sorgenia, Autogrill con target price di 12,90 euro (aumento del traffico autostradale Usa a novembre dello 0,3%), Banca Generali con fair value di 24 euro (intervista del ceo Mossa a Il Giornale), Creval con obiettivo di 0,13 euro (nominato Jacob F. Kalma nel board al posto del dimissionario Massimo Massimilla), Fincantieri con target di 1,70 euro, Iren con fair value di 2,80 euro (il Comune di Parma ha votato a favore per un nuovo patto tra gli azionisti), Saras con obiettivo di 2,30 euro (il margine di raffinazione resta positivo) e Telecom Italia con target di 0,93 euro.

Proseguendo, Banca Akros valuta buy Autogrill con target price di 13 euro, Leonardo con prezzo obiettivo di 13,25 euro (dopo che ieri Francia e Germania hanno siglato nuovi accordi e l’aumento della probabilità che l’aeronautica tedesca scelga l’Eurofighter Typhoon invece del Lockheed Martin “F-35” come aereo da combattimento), Saipem con fair value di 6,40 euro nonostante il procedimento Consob in atto ed StMicroelectronics con obiettivo di 19,50 euro, abbassato però dai precedenti 23 euro dopo i dati trimestrali peggiori delle stime di Asml.