Il 2020 sarà l’anno per le soluzioni sostenibili

Sostenibilità

A cura di Charlie Thomas, Head of Strategy, Environment & Sustainability di Jupiter Asset Management

Se il cambiamento è l’unica certezza nella vita, spesso sembra arrivare a ondate. Ciò è particolarmente vero nell’ambito delle soluzioni d’investimento sostenibili, in cui ci stiamo avviando verso una nuova decade aspettandoci un’accelerazione del recente impulso che a volte è mancata negli scorsi dieci anni.

Considerate le pietre miliari che vediamo per il 2020.

– I primi grandi progetti eolici offshore fuori dall’Europa e dalla Cina verranno avviati negli Usa e in Taiwan, evidenziando l’accelerazione della crescita dell’eolico offshore quale fonte globale di energia rinnovabile.

– Per la prima volta i veicoli elettrici per il mercato di massa verranno prodotti in tre continenti, via via che le case automobilistiche accelerano lo sviluppo di alternative ai veicoli con motore a combustione.

Alcuni paesi del sudest asiatico interromperanno le importazioni di “spazzatura dall’occidente”, in certi casi rimandandola indietro. Ciò renderà ancora più urgente il trend globale verso lo sviluppo di economie “circolari” incentrate sulla prevenzione e sul riciclaggio dei rifiuti.

Sostenuti dalla confluenza di trend tecnologici, dalle pressioni da parte delle autorità e dal sentiment pubblico, questi sono esempi di obiettivi temporalmente vicini che guidano opportunità d’investimento di lungo termine in solo tre dei nostri sette temi di soluzioni sostenibili: energia pulita, mobilità sostenibile ed economia circolare.

Da tempo sosteniamo che il ruolo sempre più centrale che le questioni di sostenibilità giocano nello sviluppo globale genera opportunità pluridecennali per i nostri clienti nel trovare società che offrono le soluzioni alle relative sfide di lungo termine. Mentre ci avviamo verso il 2020, ciò che ci ha sorpreso è la velocità con cui questo trend si sta diffondendo nel nostro universo di investimento di società che offrono soluzioni sostenibili. Come ha osservato di recente Lord Browne, l’ex Ceo di BP, che ha riscontrato la crescente pressione alla decarbonizzazione, “è come se la transizione energetica avesse fatto comprimere il tempo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*