Il Fib non conferma per ora il sorpasso dei 22.000 punti

fib logo

Il mancato superamento, almeno per il momento, della soglia tecnica e psicologia posa a quota 22.000 punti apre nuove incertezze sul Fib, il future sull’indice Ftse Mib con scadenza giugno, che rischia di scivolare al di sotto del supporto dinamico ascendente che sostiene il tentativo di recupero dei corsi dopo il minimo dello scorso 29 maggio a 21.025.

Dal punto di vista operativo, di coseguenza, solo oltre quota 22.000 il derivato potrebbe allungare ulteriormente il passo con target nel caso a quota 22.500 prima e a ridosso dei 22.800 punti in seguito. Per contro, il cedimento confermato del suddetto supporto dinamico di breve termine, attualmente passante per quota 21.675 innescherebbe l’inizio di una nuova discesa dei corsi con obiettivi a 21.025 prima e in zona 20.800/20.600 in seguito.   G.R.

Clicca sul grafico per ingrandirlo