Il Ftse Mib prosegue nell’uptrend. I titoli sotto i riflettori

Il FtseMib ha disegnato una candela Long white che ha permesso il superamento di slancio della resistenza in area 22.750 toccando livelli che non vedeva dal 25 maggio del 2018. L’indice archivia la quarta settimana positiva consecutiva chiudendo in verde (+2.65%) un mese storicamente ostico per i mercati come ottobre.

Il rialzo da inizio anno supera il 25% (25.16%) grazie al rally di Azimut Holding +95,2% Stm +69,66% Ferrari +66,46% Amplifon +64,41% Poste Italiane +57,93%. Nel 2019 solo 3 titoli del Ftse Mib40 sono in rosso: Pirelli & C -6,6% Salvatore Ferragamo -5,04% Eni -0,32%.

Piazza Affari potrà proseguire al rialzo se i risultati delle principali Blue Chips saranno all’altezza delle aspettative. In particolare lunedì attendiamo i numeri di Ferrari; martedì quelli di Azimut, Finecobank, Intesa Sanpaolo e Poste Italiane. Mercoledì: Banca Mps, Banco Bpm, Cnh Industrial, Diasorin, Generali e Unicredit. Giovedì: Bper, Buzzi Unicem, Italgas, Leonardo, Saipem, Telecom Italia Unipol e Unipolsai. Infine Venerdì: Atlantia, Nexi e Ubi Banca.

Il Toro continua a scalpitare anche a  Wall Street con i principali indici che toccano nuovi massimi assoluti dopo i dati sull’occupazione negli Stati Uniti, che Come anticipato mercoledì  dal governatore della Fed, mostrano un mercato del lavoro è in ottima salute.

Operativamente nonostante non avevamo previsto un mercato così forte, rimane in portafoglio la posizione short su Banco BPM sulla quale abbiamo abbassato lo stop in pari al fine di ridurre il rischio del trade.

Tra i titoli interessanti in ottica di breve termine:

Tenaris disegna un Engulfing Bullish che eclissa le candele disegnate nell’ultimo mese. Attendiamo un veloce consolidamento al fine di individuare un punto di ingresso a più basso rischio.

Fca (+18.25% negli ultimi 5 giorni) disegna un tweezer top ovvero un pattern che presenta 2 massimi giornalieri consecutivi allineati a 14.25 euro. Il superamento di questo livello, potrebbe calamitare nuovi acquirenti.

Atlantia disegna una Long white che esplode nei volumi e nella volatilità a seguito del superamento della resistenza in area 22.5 euro. Possibile un ulteriore allungo verso area 24 euro.

Prysmian mostra interessanti segnali di inversione della forza relativa disegnando una white marubozu. Una chiusura confermata sopra area 21 euro validerà i segnali di inversione.

 

Datalogic rientra al centro dell’interesse del mercato chiudendo la settimana in rialzo dal 6.95%. I prezzi testano il bordo superiore del rettangolo che ingabbia i prezzi da quasi 2 mesi fra area 12 euro e 14.4. La fuoriuscita dei corsi da questo Box, innescherà un violento movimento direzionale.

A cura di www.sostrader.it

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*