Il rally brasiliano è ancora in pista: come cavalcarlo

Aerial panorama of Botafogo Bay and Sugar Loaf Mountain, Rio De Janeiro, Brazil

“All’inizio dell’anno, il real brasiliano (BRL) ha fatto il pieno di carburante prima di andare in un rally che ha compensato tutte le sue precedenti perdite nella seconda metà di maggio. Gli investitori, che hanno comprato ai minimi, hanno fatto bene. Dal 20 maggio, il real è tornato di circa il 10% contro il dollaro Usa (incl. carry) e le obbligazioni e le azioni locali hanno guadagnato rispettivamente il 14 e il 25% (incl. 10% di apprezzamento FX). Anche se non è mai una cattiva idea togliere qualche fiche dal tavolo, crediamo che il rally abbia ancora un po’ di strada da fare”. E’ l’opinione di Thierry Larose, Senior Portfolio Manager di Vontobel Asset Management: di seguito le sue considerazioni sulle opportunità di investimento in Brasile.

I principali driver dell’entusiasmo del mercato

Nonostante l’economia in difficoltà del paese incline allo scandalo, gli investitori stanno celebrando una riforma pensionistica che il 10 luglio scorso, nella camera bassa del parlamento, ha eliminato il suo ostacolo più significativo. Considerato come un grande successo, questo ha aumentato la probabilità che il progetto di legge riceva l’approvazione del Senato, il che spianerebbe la strada a significativi risparmi governativi nei prossimi 10 anni e a un miglioramento dei parametri fiscali del paese e della sostenibilità del debito. I mercati hanno registrato un’impennata alla notizia, principalmente per due motivi.

Non solo è stato il momento ideale con l’approvazione di un primo turno nella camera bassa con una maggioranza inaspettatamente alta appena prima della pausa parlamentare che inizierà la prossima settimana. Ma anche l’ammontare approvato dei risparmi governativi di 800-900 miliardi di real brasiliani si è rivelato superiore alle precedenti stime degli analisti, che temevano soprattutto un disegno di legge “annacquato” e privo di qualsiasi seria verve riformatrice. L’ottimismo del mercato è cresciuto a tal punto che sono attesi risultati altrettanto positivi per altre riforme essenziali come la riforma fiscale e il programma di liberalizzazione.

Ora che sono stati compiuti progressi significativi sul fronte delle riforme, la banca centrale ha finalmente spianato la strada per intraprendere un ciclo di allentamento monetario, con una stima di 100 punti base di tagli dei tassi di interesse fino alla fine dell’anno per dare impulso all’economia. Con la prospettiva di un ritorno del Brasile sulla via della crescita, gli investitori locali hanno iniziato il rally attirando anche investitori internazionali che hanno iniziato a tornare sui mercati brasiliani in numero maggiore.

In sella al rally

Il rally brasiliano è ancora in pista, per cui rimanere con esso un po’ più a lungo è vantaggioso per gli investitori che sono in grado di resistere all’impulso a incassare ora. Il Brasile è uno dei pochissimi paesi emergenti il cui programma di riforme che stimola la crescita è ancora in corso di attuazione e che ha il potenziale per attrarre una maggiore partecipazione di investitori dall’estero nelle attività brasiliane. Il real – aggiunge Larose – ha ancora un potenziale di rialzo, non solo grazie a una sana bilancia dei pagamenti e a condizioni commerciali favorevoli (esportazione vs. prezzi all’importazione), ma anche perché gli investitori locali hanno finora ostacolato il suo apprezzamento accumulando posizioni lunghe in dollari che cercano di coprire in una certa misura la loro esposizione in titoli azionari e obbligazionari lunghi in real.

“Per quanto riguarda la curva dei rendimenti sovrani locali, il front end sembra ancora interessante in quanto vediamo il tasso Selic raggiungere il 5% nel primo trimestre del prossimo anno, che è 150 punti base al di sotto del livello attuale e 50 al di sotto del livello che il mercato sta attualmente valutando per la fine del ciclo di allentamento. Allo stesso tempo, l’estremità lunga della curva nominale sembra abbastanza quotata e non ci aspettiamo che si comprima ulteriormente, soprattutto ora che il rendimento a 10 anni è sceso al di sotto dei suoi equivalenti messicani, indonesiani e russi che sono classificati come investment grade. I tassi reali (titoli legati all’inflazione NTN-B) si sono allineati e hanno raggiunto un livello di prezzo equo ora che si sono stabilizzati al di sotto dei loro omologhi messicani (bonos UDI). Inoltre, è improbabile che i tassi lunghi (sia nominali che reali) si restringano molto, dato il riequilibrio locale tra obbligazioni e azioni, con flussi di fondi che dovrebbero favorire le azioni alla luce del calo dei tassi a breve termine”, scrive l’esperto.

Ma attenzione al diavolo della politica

Mentre il sentimento del mercato è ottimista, ammonisce Larose, qualsiasi perdita di capitale politico potrebbe portare il mercato brasiliano a una battuta d’arresto stridente. “La comunicazione del governo potrebbe essere migliorata, ma è ancora intervallata da una retorica ideologica, che continua a polarizzare la popolazione. Uno degli anelli deboli del governo è l’iconico ministro della giustizia Sérgio Moro, al centro di uno scandalo sul suo ruolo di giudice federale nella cosiddetta ‘Operazione Car Wash’ che ha portato all’impeachment di Dilma Rousseff nel 2016 e all’incarcerazione dell’ex presidente Lula lo scorso anno. Moro non è coinvolto nell’agenda delle riforme economiche ma viene adorato dai partigiani del presidente Bolsonaro per cui le sue dimissioni, anche se ancora improbabili, scatenerebbero una devastante tempesta politica. Finora, la strategia del governo è stata quella di respingere le accuse come notizie false, ma non è chiaro quale sarebbe il piano B, se le accuse si rivelassero più fondate”.

Infine, “le lotte intestine tra le fazioni governative rimangono un rischio materiale, poiché il presidente Bolsonaro tende a proteggere sistematicamente e a soddisfare le esigenze di alcune parti selezionate del suo elettorato, che sono rappresentate nel congresso nazionale dai gruppi di interesse conservatore di agricoltori, evangelici e legislatori favorevoli all’uso della pistola. C’è quindi il rischio che il resto del suo elettorato cominci a sentirsi abbandonato dalla strada, il che potrebbe portare ad una rivolta, dato che il governo non ha una maggioranza formale al Congresso. Ciò danneggerebbe gravemente il programma di riforme economiche e probabilmente spaventerebbe gli investitori internazionali”.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*