Italia, “C’è una luce in fondo al tunnel, ma è spenta”

Italia

In base alle previsione della Mazziero Research, il PIL italiano del primo trimestre al +0,2%, ancora provvisorio, ha migliorato in modo sensibile le stime di crescita annua che potrebbero arrivare allo 0,4%, pur considerando un modesto arretramento nel 2° trimestre.

Anche la produzione industriale è ripresa, ma già si avverte un rallentamento che potrebbe rappresentare sia una fisiologica pausa sia l’esaurimento della fase di ricostituzione delle scorte, in calo sul finire del 2018, e quindi preludere a una nuova stagnazione.

E il commercio al dettaglio resta debole, mentre quello elettronico segna progressi a doppia cifra su base annua; la sensazione è che al commercio tradizionale manchino le idee per contrastare questo fenomeno e vi sia troppa arrendevolezza nel perdere quote di mercato.

Continua poi la creazione di nuovi posti di lavoro, ma la disoccupazione non riesce a scendere al di sotto del 10%, mentre torna ad aumentare la cassa integrazione a conferma della fragilità del recupero produttivo.

“L’unica cosa che cresce è il debito che presto segnerà nuovi record storici, prima di avviarsi nella fase discendente del secondo semestre e chiudere l’anno tra 2.349 e 2.385 miliardi”, avvertono da Mazziero Research.

“In uno scenario di questo tipo confermiamo la previsione formulata nel precedente Osservatorio: la manovra correttiva di autunno ci sarà, per l’anno prossimo si renderà necessario l’aumento IVA, seppur mitigato, e si profila all’orizzonte una patrimoniale che potrebbe essere demandata a un futuro governo tecnico”.

Debito pubblico: stime sino a dicembre

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*