Italia, debito in calo a marzo. Ma salirà (e molto) ad aprile

A cura di Mazziero Research

Il debito ufficiale a marzo ha confermato le nostre stime di calo seppur posizionandosi nella parte alta della forchetta di confidenza; il valore di 2.431 miliardi verrà ritoccato al rialzo nel mese di aprile quando salirà intorno ai 2.465 miliardi.

Le stime indicano anche un debito a fine giugno compreso fra 2.473 e 2.482 miliardi, ma certamente andranno riviste al rialzo con il dispiegarsi delle maggiori spese indicate dal Governo nel Def (Documento di Economia e Finanza). Il debito a fine 2020 è attualmente stimato tra 2.550 e 2.580 miliardi.

Il grafico, momentaneamente solo fino a giugno, presenta con una linea rossa i dati ufficiali pubblicati da Banca d’Italia, e prosegue in grigio con i valori stimati dalla Mazziero Research.
La tabella di affidabilità indica le differenze tra i valori ufficiali e le stime precedentemente fatte dalla Mazziero Research.

I dati ufficiali

Debito pubblico: 2.431 miliardi (calo)
Relativo a febbraio 2020
Pubblicato il 15 maggio 2020

Stime Mazziero Research

La stima a aprile 2020
2.465 miliardi (forte aumento)
Intervallo confidenza al 95% compreso tra 2.456 e 2.474 miliardi
Il dato ufficiale verrà pubblicato il 15 giugno 2020

La stima a giugno 2020
Compreso tra 2.473 e 2.482 miliardi
Intervallo confidenza al 95%
Il dato ufficiale verrà pubblicato il 14 agosto 2020

Nota: il debito pubblico è soggetto ad ulteriori innalzamenti in considerazione delle misure Covid-19.

La stima a dicembre 2020
Compreso tra 2.550 e 2.580 miliardi
Intervallo confidenza al 95%
Il dato ufficiale verrà pubblicato a metà febbraio 2021

La stima sul Pil 2020

La stima Istat del Pil del 1° trimestre 2020 potrebbe far apparire eccessivamente negative quelle della Mazziero Research che indicavano valori tra -8 e -11% contro il dato Istat del -4,7%. Tuttavia, l’Istituto di Statistica informa della mancanza totale o parziale di alcuni indicatori nella rilevazione, con il ricorso a tecniche statistiche di integrazione che potrebbero portare a revisioni successive di entità superiore. Infatti, il calo del -4,7% nel 1° trimestre apparirebbe sottostimato rispetto alle indicazioni di lockdown riportate dall’Istat durante l’Audizione a Camera e Senato in merito al Def.

Abbiamo al tempo stesso proceduto a una rimodulazione delle nostre stime che vedono variazioni, anche sensibili, rispetto alle precedenti dovute allo scaglionamento della ripresa delle attività nel corso del mese di maggio. Il 2° trimestre resta quello con il calo maggiore a cui seguirà un forte recupero nel 3° trimestre.

Le stime del 3° e 4° trimestre presentano ancora una elevata incertezza determinata da una serie di fattori quali: il ritorno a regime delle attività e il dispiegamento degli effetti delle misure di sostegno messe in campo dal governo e dall’Unione Europea, di cui ancora non si hanno dati concreti sulle tempistiche.

La spesa per interessi

Spesa per interessi lorda a marzo 2020: 19,3 miliardi.
Stima Mazziero Research spesa lorda ad aprile 2020: 21,4 miliardi.
Stima Mazziero Research spesa lorda 2020: 62,7 miliardi.

Stima Mazziero Research spesa netta 1° trimestre 2020: 9,7 miliardi,
Stima Mazziero Research spesa netta 2020: 53,9 miliardi.

Nota esplicativa: per spesa per interessi lorda si intende l’esborso per interessi come risultante dal conto di cassa della Ragioneria Generale; per spesa per interessi netta si intende il conguaglio tra interessi attivi e passivi e riportato nelle statistiche ufficiali dell’Istat.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*