Le indicazioni del G20 non allenteranno le tensioni

mondo mappa

Di Govinda FinnJapan and Developed Asia Economist, Aberdeen Standard Investments

È facile capire perché i mercati finanziari siano ottimisti sul fatto che il G20 annuncerà una distensione nella guerra commerciale USA-Cina. Ma si sbagliano. I due protagonisti principali hanno molto da guadagnare attraverso un’efficace azione di diplomazia personale. Entrambi torneranno a casa con alcuni punti a favore.

Tuttavia, le celebrazioni per la vittoria saranno di breve durata. La diplomazia personale è utile per cercare un terreno comune e ridurre le tensioni geopolitiche. Tuttavia, raramente si compiono progressi nella spinosa questione del commercio internazionale, dove gli accordi devono essere ratificabili e applicabili.

Cosa ancora più importante, il presidente Trump e i programmi interni della sua controparte cinese Xi mostrano come i due Paesi restino in rotta di collisione. Gli Stati Uniti hanno due obiettivi generali. Il primo è quello di contribuire a ripristinare i posti di lavoro nell’industria manifatturiera nazionale. Si tratta di un appello diretto agli operai che costituiscono il nucleo della base di sostegno di Trump.

L’altro obiettivo è riequilibrare le relazioni diplomatiche ed economiche con la Cina. Entrambi gli obiettivi sono sostenuti dalla convinzione che le condizioni degli scambi commerciali tra i paesi siano troppo distorte a favore della Cina.

La Cina ha i suoi obiettivi. L’iniziativa “One Belt One Road” è il più grande tentativo di estendere la propria influenza al di là dei confini nazionali. Il nucleo centrale dell’iniziativa è costituito dal commercio basato sulle condizioni dettate dalla Cina.

Nel frattempo la Cina sta portando avanti l’iniziativa “Made in China 2025”. La politica industriale è un tentativo ambizioso di espandere il suo settore ad alta tecnologia e di stabilire una base produttiva avanzata. Gli Stati Uniti la considerano non solo una minaccia per le imprese statunitensi, ma anche un enorme rischio per la sicurezza.

Il punto di vista della Cina è che si tratta di un coraggioso tentativo di prendere in prestito dalle politiche industriali di altri Paesi tutti quegli spunti per creare industrie che le consentano di competere in un’economia mondiale in rapida evoluzione.

Naturalmente, una guerra commerciale è l’ultima cosa di cui l’economia globale ha bisogno. Le prospettive a medio termine sono già deboli, con una debole crescita della produttività, persistenti squilibri globali, crescenti vulnerabilità finanziarie e disuguaglianze di reddito. È improbabile che il Presidente degli Stati Uniti cambi rotta a meno che non vi sia una qualche reazione politica interna oppure un’ondata davvero sconvolgente di volatilità dei mercati finanziari.

Le elezioni di medio termine suggeriscono come il suo pubblico interno sia abbastanza soddisfatto per ora e, nonostante la recente volatilità dei mercati finanziari, pensa che gli Stati Uniti siano ancora “vincenti”. L’economia statunitense potrebbe rallentare nel medio termine e questo potrebbe costringere Trump a cambiare idea. Ma è improbabile che questo rallentamento sia imminente. Ad un livello strategico generale, la Cina non vuole essere vista arrendevole rispetto a quella che potrebbe essere considerata una tattica di bullismo statunitense

Tuttavia, una recessione globale complicherebbe il già difficile compito della Cina di progettare un rallentamento controllato della sua economia. Il problema è che poche delle concessioni proposte potrebbero placare il team dirigente di Trump o il suo pubblico nazionale. Il pericolo è che l’appagamento porterà semplicemente a maggiori richieste.

Senza una risoluzione in vista, un rallentamento potrebbe essere inevitabile. L’ironia è che gli operai che sostengono Trump saranno tra i più duramente colpiti. Non ci sono vincitori nelle guerre commerciali. Solo compromessi. Purtroppo non possiamo aspettarci molti di questi compromessi questo fine settimana.