Le quotate del Nord-est battono il Ftse Mib

Nord-est italiano sugli scudi. Con un rialzo medio total return, ovvero comprensivo del dividendo distribuito nel corso dell’anno, del 35% le 16 società venete quotate a Piazza Affari hanno messo a segno nel corso del 2015 una performance più che doppia rispetto all’indice Ftse Mib, paniere di riferimento della Borsa milanese, il cui rialzo si è “fermato” al 14 per cento. E con un rendimento medio stimato per il prossimo anno di circa il 3% questi titoli possono continuare a rappresentare un buon affare.

In particolare, ai prezzi attuali, considerando le attese degli analisti rilevate da Bloomberg sulle cedole che potranno essere staccate nel 2016 spiccano in termini di rendimento del dividendo (il cosidetto dividend yield) Ascopiave con un 6,8%, Cattolica Assicurazioni (4,7%), Save (4,2%) e Zignago Vetro (3,35%).

Meno bene, ma comunque degne di nota, invece le quattro aziende friulane quotate con una performance (sempre total return) media del 19,45% e un rendimento medio del dividendo del 2,5 per cento.