Le soluzioni per il collaudo dei veicoli elettrici e autonomi genereranno ricavi pari a 2,81 miliardi di dollari entro il 2024

Hai domande o commenti? Scrivi a info@finanzaoperativa.com

Secondo l’ultima analisi di Frost & Sullivan intitolata Global Integrated Automotive Test Solutions, Forecast to 2024, l’interesse per le soluzioni per il collaudo dei veicoli elettrici e autonomi e il controllo delle emissioni creerà nuove opportunità di ricavo per un valore pari a 2,81 miliardi di dollari entro il 2024. Il team Measurement & Instrumentation di Frost & Sullivan prevede che le partnership e le  collaborazioni tra i produttori di apparecchiature di collaudo e le aziende tecnologiche che sviluppano e collaudano i veicoli autonomi promuoveranno la nascita delle apparecchiature di collaudo di prossima generazione. Lo studio include anche una valutazione dettagliata delle principali dinamiche di mercato, le tecnologie automobilistiche emergenti, i fattori trainanti, i limiti, le previsioni di ricavo, la quota di mercato e l’analisi competitiva dei segmenti chiave come l’elettronica, la meccatronica, la telematica e la connettività, nonché i sistemi di test funzionali ECU.

La complessità dei moderni sistemi automobilistici richiede il collaudo completo di elettronica e software. I nuovi concorrenti provenienti dai mercati contigui, come i fornitori IT, di sistemi di sicurezza e di rete cellulare, stanno entrando nel mercato dei sistemi telematici nel settore automotive aprendo quindi nuove opportunità di crescita ai fornitori di sistemi di collaudo.

“A causa della forte concorrenza, i fornitori di servizi telematici si stanno impegnando per sviluppare soluzioni innovative, come il riconoscimento vocale, i sistemi di controllo gestuale, le unità di controllo telematiche e i display head-up avanzati, che alimentano la necessità di solide soluzioni di collaudo nelle rispettive divisioni di Ricerca e Sviluppo (R&S) e di produzione” afferma Jessy Cavazos, Industry Director del settore Measurement & Instrumentation di Frost & Sullivan. “In futuro, le tecnologie dei sistemi avanzati di assistenza alla guida (ADAS) saranno probabilmente integrate per creare veicoli completamente autonomi, aumentando ulteriormente la necessità di apparecchiature di collaudo nel mercato della telematica”.

Le previsioni del report includono:

  • Il segmento dei dinamometri e quello dei test sulle emissioni dei veicoli offriranno prospettive significative nell’arco di cinque-sette anni.
  • Si prevede che la parte dell’elettronica in una singola vettura crescerà dal 40 percento (2017) ad oltre il 55 percento entro il 2024.
  • Gli OEM del settore automotive inizieranno ad adottare servizi tecnici standardizzati per eseguire i test e fornire i risultati che saranno principalmente monitorati dalle autorità di regolamentazione, aprendo così nuove opportunità per i fornitori di apparecchiature di collaudo e di servizi.
  • Si stima che il mercato globale delle soluzioni integrate per il collaudo nell’automotive crescerà a un CAGR del 6,8 percento dal 2017 al 2024 fino a raggiungere 2,81 miliardi di dollari entro il 2024.
  • La rapida innovazione nelle connected cars e nei veicoli autonomi alimenterà la necessità di apparecchiature di collaudo elettronico.
  • Si prevede una nuova crescita nei mercati chiave come GiapponeCorea del SudSingapore se i fornitori di apparecchiature di collaudo collaborano attivamente con questi governi.

“Le sfide chiave come la mentalità conservativa dei produttori automobilistici attenti ai costi e la complessità dell’integrazione di sistemi di test meccatronici ed elettronici stanno dissuadendo dall’adozione delle nuove apparecchiature di collaudo” osserva Cavazos. “Inoltre, il continuo cambiamento delle esigenze dei consumatori sta incidendo negativamente sull’inventario attuale e futuro di queste apparecchiature”.

Share this post: