Le utility Usa per un portafoglio high yield

Costose, ma interessanti per gli investitori in cerca di un’alternativa al rendimento dei governativi decennali americani. Le utility Usa sono scambiate, mediamente, con un premio superiore al 10% (non accadeva da oltre tre anni), ma la solidità dei bilanci, le ottime prospettive di crescita degli utili e una disciplinata politica di dividendo le rendono particolarmente appetibili.

NextEra Energy, crescita media della cedola del 14%

“Le società che saranno in grado di aumentare la cedola più rapidamente sono quelle che in passato hanno finanziato piani di crescita interna a discapito di un payout ratio più basso rispetto alla media, ma che ora promettono di macinare utili a una velocità più alta rispetto alla concorrenza. NextEra Energy e Sempra Energy, in particolare, hanno grandi programmi di investimento che ci aspettiamo facciano da supporto alla risalita degli utili e dei dividendi”, dice Andrew Bischof, analista azionario di Morningstar.

Le previsioni indicano per NextEra Energy un progresso medio della cedola del 14% nei prossimi cinque anni e grazie a un payout ratio attorno al 60% ha ampi margini di manovra per espandere la cedola in futuro. Due sono i principali driver di crescita: il business legato alla sua utility regolamentata in Florida, che si concentrerà sulla produzione di energie solare, e il segmento dell’eolico, nel quale è leader negli Usa. Da inizio anno il titolo ha guadagnato quasi il 30% (in dollari al 23 agosto 2019) e ora è scambiato a un rapporto prezzo/fair value di 1,14 (report aggiornato al 24 luglio 2019), mentre il dividend yield si è mantenuto tra il 2,5% e il 3% dal 2014 a oggi.

Yield al 2,68% per Sempra Energy

Sempra Energy promette di far crescere la cedola in media dell’11% nei prossimi cinque anni, a un ritmo superiore rispetto al progresso degli utili. Il merito di questo risultato, dicono gli analisti di Morningstar, è da attribuire alla strategia del management che ha razionalizzato il portafoglio attività dismettendo quelle non regolamentate per investire invece in quelle che sono soggette alla regolamentazione delle Autorità e nel segmento della trasmissione di energia dalle centrali di produzione.

“Sempra è molto esposta al mercato messicano e potrebbe beneficiare dei nuovi piani di investimento che dovrebbero seguire alla deregolamentazione del settore nel paese. Inoltre, le sue attività di stoccaggio e distribuzione dei gas naturale la mettono in una buona posizione per trarre vantaggio dalla crescita della domanda in Messico e negli Usa”, dice Bischof. Il titolo ha guadagnato il 30% da inizio anno e ora è scambiato a un premio dell’11% rispetto al fair value di 125 dollari (report aggiornato al 5 agosto 2019), tuttavia il suo dividend yield è pari a 2,68%.

A cura di Morningstar

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*