L’Eurozona prosegue il suo percorso di crescita

Hai domande o commenti? Scrivi a info@finanzaoperativa.com

europa, mondo

A cura di Gero Jung, Chief Economist di Mirabaud AM

Gli ultimi dati economici indicano una ripresa nell’attività dell’Eurozona – le cifre mostrano un incremento del PIL del 2,3% – e riteniamo che la crescita nel secondo semestre si manterrà solida, con una produzione in aumento al di sopra del potenziale.

Uno dei driver principali è la domanda interna, che è in miglioramento, e l’ultimo sondaggio PMI sui servizi nella zona euro è in linea con questo quadro. Particolarmente positivo è il fatto che nei Paesi periferici l’ottimismo registrato dal settore dei servizi resti solido, con il PMI italiano che è arrivato a 54,3 punti il mese scorso. La stessa immagine emerge dal fronte manifatturiero, dove il sentiment non sembra essere influenzato dalle incertezze politiche.

Per l’Eurozona nel suo complesso, ci aspettiamo che la domanda interna continuerà ad essere sostenuta da un miglioramento del mercato del lavoro (il tasso di disoccupazione probabilmente diminuirà ancora), mentre è probabile che gli investimenti saranno aiutati da tassi di interesse persistentemente bassi. Inoltre, la politica fiscale offre un supporto alla crescita.

Guardando alle singole regioni, notiamo che i dati relativi all’industria manifatturiera tedesca, così come gli ordinativi industriali, suggeriscono una solida ripresa nell’ultimo trimestre, dopo i numeri deboli del primo trimestre.

Share this post: