L’India rimane una potenza del settore privato, indipendentemente dall’esito delle elezioni

India
Taj Mahal

A cura di Jin Zhang, Portfolio Manager della boutique Quality Growth di Vontobel Asset Management

Le elezioni generali in India di quest’anno si stanno preparando per essere un voto che stabilirà se il partito di destra Bharatiya Janata Party (BJP), sotto la guida del primo ministro Narendra Modi, rimarrà al potere e l’estensione del suo potere come determinato dal numero di seggi in Parlamento. Come riferimento si consideri che l’India gestisce un sistema parlamentare bicamerale con la camera bassa – Lok Sabha – eletto ogni cinque anni. Il partito che vincerà l’elezione del Lok Sabha formerà il governo. Tuttavia, se nessun partito otterrà più del 50% dei voti, il governo sarà formato da coalizioni costruite attorno ai partiti dominanti.

Quest’anno, il BJP è il partito in carica e, nonostante un inizio lento, ci sono grandi aspettative circa un’altra sua vittoria. Mentre ci sono incertezze sul numero di seggi che il BJP potrebbe vincere, la maggior parte degli analisti si aspetta una vittoria minore rispetto alle elezioni che il partito vinse nel 2014.

In generale, il mercato ama la continuità, e percepisce che il BJP stia facendo un buon lavoro. La maggior parte delle persone ritiene che le misure di riforma e gli alti tassi di crescita economica sotto Modi siano stati positivi. Uno dei risultati più significativi dell’amministrazione Modi negli ultimi due anni è stata la capacità di portare avanti alcune importanti riforme come l’imposta sui beni e servizi (Goods and Services Taxes) e la legge fallimentare. È della massima importanza che l’amministrazione – sia che si tratti di una rielezione di Modi o di un cambiamento di governo – continui su questa strada.

 

Le riforme necessarie per attirare maggiori flussi di capitali

Le riforme sono la chiave per attrarre più flussi di capitale, poiché sono necessarie per migliorare le infrastrutture del paese, allentare le leggi sul lavoro e ridurre norme e regolamenti. Molte riforme sono in atto da diverso tempo, ma non tutte sono necessarie o efficaci.

Un’area particolare che trarrà i maggiori benefici dalle riforme è il settore dell’energia. Migliorare la disponibilità di energia elettrica e la stabilità è una condizione preliminare per far entrare nel paese un maggior numero di imprese manifatturiere.

Operare in India non è un’impresa facile. Il paese è molto grande e diversificato. Le infrastrutture e i vincoli normativi fanno sì che fare affari in questo paese sia una sfida. Questo è il motivo per cui è importante per gli investitori selezionare aziende che sanno come navigare su un terreno così difficile. Per esempio, Housing Development Finance Corporation (HDFC) può operare in tutti gli stati diversi pur avendo una solida comprensione del complesso business del settore immobiliare. Inoltre, la società è molto esperta nell’affrontare queste sfide nella sua attività di finanziamento ipotecario.

Lo stesso vale per ITC, la più grande azienda produttrice di tabacco del paese. ITC è in grado di operare sotto diverse norme e regolamenti in diversi stati e in precedenza ha prosperato in questo tipo di ambiente. La capacità di navigare in un tale paesaggio è vantaggiosa per l’operatore storico e costituisce una barriera all’ingresso di nuovi arrivati, compresi i challenger internazionali.

 

Il settore finanziario indiano ne beneficerà indipendentemente dall’esito delle elezioni

Indipendentemente da chi vincerà le elezioni, le società di servizi finanziari ne trarranno beneficio. Questo perché entrambe le parti porranno l’accento sulla creazione di posti di lavoro e sul miglioramento delle infrastrutture, il che contribuirà a creare più posti di lavoro della classe media. La nuova classe media avrà bisogno di prestiti auto, carte di credito, fondi comuni di investimento e altri prodotti finanziari. Le aziende ben posizionate per trarne vantaggio sono HDFC e HDFC Bank. HDFC Bank, la più grande banca del settore privato del paese, è uno dei principali attori in tutti i settori finanziari rilevanti sopra menzionati. Negli ultimi due decenni la banca ha conseguito un rendimento del capitale proprio del 20% e una crescita di circa il 20%, ed è probabile che continui su questa strada. A nostro avviso, questo è un esempio primario del tipo di attività che dovrebbe prosperare indipendentemente da chi ha il controllo del governo.

 

I picchi del prezzo del petrolio come rischio principale

Il rischio maggiore per l’economia indiana è un forte aumento dei prezzi del petrolio a livello mondiale. È chiaro che l’India non produce quasi abbastanza petrolio e deve importare circa l’80% di quanto consuma. I prezzi elevati del petrolio costituiranno una sfida per il paese. Aumenterà il deficit delle partite correnti e costituirà una sfida per il bilancio pubblico, perché la richiesta del governo di fornire un qualche tipo di sovvenzione diventerà probabilmente più forte.

In quest’ottica, le imprese in grado di affrontare queste sfide economiche e i loro rischi sono interessanti. Per esempio, le società di servizi IT, tra cui TCS e HCL Tech, sono globalmente competitive e dipendono dalla domanda globale piuttosto che dalla domanda interna. HDFC, HDFC Bank e ITC sono operatori esperti e aziende a basso rischio.

 

Conclusione

A parte le prossime elezioni, l’India è tra i paesi in via di sviluppo più forti e solidi nel contesto globale. Il paese ha una crescita robusta e sostenibile, e non molto debito estero – il suo profilo del debito l’ha aiutata ad evitare l’impatto sugli altri mercati emergenti quando il dollaro USA si è rafforzato. Il mercato azionario tende ad essere eccitato o depresso dagli sviluppi politici, ma la realtà è che la crescita dell’India è guidata dal suo ampio, diversificato e dinamico settore privato.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*