L’indice Stoxx Europe 600 Utilities accelera il passo. I target e gli Etf a Milano

Tra gli indici settoriali del Vecchio Continente più perfformanti nelle ultime sedute e più resilienti in ottica di medio termine nonostante le probalematiche della pandemia di Coronavirus c’è lo Stoxx Europe 600 Utilities. Merito soprattutto del fatto che le società che appartengono a questo indice sono attive in business, quali i servizi idrici e di distribuzione dell’energia elettrica e del gas sono maggiormente “immuni” rispetto ad altri comparti agli effetti sul fatturato dovuti ai lockdown. Inoltre, negli ultimi mesi questo paniere azionario europeo sempbra essere molto reattivo ai rialzi generalizzati.

I prossimi obiettivi tecnici dell’indice Stoxx Europe 600 Utilities

Dal punto di vista tecnico, lo Stoxx Europe 600 Utilities ha infatti di recente oltrepassato di slancio la resistenza statica di medio termine posta in area 370 punti e, previa un’auspicabile movimento laterale di consolidamento in trading range che consenta agli indicatori di allontanarsi dalla zona di ipercomprato, sarà possibile assistere a un ulteriore allungo dei corsi.

In quest’ottica i prossimi target tecnici dell’indice sono individuabili in prima battuta nell’area comprsa tra i 390 e la soglia psicologica dei 400 punti base e in seguito in zona 410/420, sui top dello scorso febbraio. Stop loss da posizionare a 370 punti.

Gli Etf a Piazza Affari sullo Stoxx Europe 600 Utilities

Su questo indice settoriale a Piazza Affari sono disponibili due Etf: il Lyxor Stx Eu600 Utilities Ucits Etf Acc e l’Xtrack Stx Eu600 Utilit Swap Ucits Etf.      G.R.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*