Lo Smi torna ad essere un “safe haven”

gnomi svizzera

Rimbalzo dopo il test della media mobile a 50 sedute, ora a quota 9.685 punti, per l’indice Smi, benchmark di riferimento della Borsa di Zurigo. Un movimento che potrebbe (condizionale più che mai d’obbligo)  proseguire permettendo lo sviluppo del canale ascendnete iniziato nelle prime sedute di aprile. Il listino elvetico si sta così dimostrando ancora una volta un “safe haven”, data la correzione in atto sugli altri principali indici azionari mondiali a causa dei timori legati a una possibile seconda ondata di Coronavirus.

I prossimi target tecnici dello Smi

Dal punto di vista operativo, al rialzo i prossimi obiettivi del paniere elvetico sono individuabili prima battuta a quota 10.000, e in seguito, eventualmente dopo una salutare fase laterale di consolidamento, in area 10.250/10.350 punti. Fondamentale però posizionare uno stop loss 9.685, livello al di sotto del quale si potrebbe assistere a una nuova discesa.    G.R.

Il grafico dello Smi su base giornaliera

Gli Etf sullo Smi a Piazza Affari

A Piazza Affari, sul mercato EtfPlus, sull’indice svizzero sono disponibili i seguenti Etf: l’Xtrackers Switzerland Ucits Etf e l’Ubs Msci Switzerland 20/35 Ucits Etf A-Acc, quest’ultimo però legato all’indice Msci Switzerland 20/35 Total Return.          G.R.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*