Lyxor AM: “Azioni europee pronte a recuperare. I rischi politici si spostano negli Usa”

Dopo oltre un decennio di sottoperformance rispetto ai mercati azionari statunitensi, i mercati azionari europei potrebbero ottenere una tregua nel 2020, grazie a una lieve ripresa economica in Europa, a valutazioni relative più basse e a una riduzione dei rischi politici, secondo l’ultima analisi del Cross Asset Research Team di Lyxor Asset Management. Gli analisti di Lyxor ritengono che la contrazione globale del settore manifatturiero stia raggiungendo il punto più basso, mantenendo sotto controllo il potenziale contagio al settore dei servizi. I fondamentali dei consumi statunitensi sembrano solidi, mentre la crescita dovrebbe consolidarsi in Germania e in Italia – paesi vulnerabili all’interno dell’economia dell’eurozona nel 2019. Con il pacchetto di stimolo fiscale della Cina che non ha ancora dato i suoi frutti e le banche centrali globali che hanno mantenuto un atteggiamento accomodante, il rischio di recessione globale nei prossimi dodici mesi si è ridotto.

Ma le azioni europee trarranno maggiori benefici rispetto alle loro controparti statunitensi dal miglioramento del contesto economico, afferma Lyxor Asset Management, citando valutazioni più basse per le società europee nonostante i margini quasi ai massimi e lo spostamento dell’incertezza della politica economica dall’Europa verso gli Stati Uniti. I Tories sembrano destinati ad ottenere la maggioranza nelle elezioni generali del 12 dicembre, riducendo la possibilità di una hard Brexit, mentre i rischi politici legati alle prossime elezioni presidenziali americane si stanno accumulando e le procedure di impeachment rischiano di paralizzare l’agenda legislativa statunitense nel frattempo. “Il divario di valutazione tra le azioni europee e quelle statunitensi potrebbe ridursi a causa dei rispettivi mix di politiche, con una hard Brexit e le elezioni americane lungi dall’essere casi chiusi”, ha commentato Jeanne Asseraf-Bitton, Global Head of Market Research presso Lyxor Asset Management.

Guardando ai nostri tre principali driver per l’allocazione al rischio globale – i livelli di volatilità, la fiducia nello scenario macroeconomico e le passate performance di gestione – Lyxor ritiene che non sia ancora giunto il momento di aumentare la quota di asset rischiosi nei portafogli. Mentre un quadro economico globale leggermente migliore sta spingendo Lyxor a migliorare la sua posizione sia sulle azioni statunitensi che su quelle europee da underweight a neutrale, riteniamo opportuno continuare a incassare i profitti grazie ai forti guadagni sui mercati azionari globali nel corso del 2019. Tuttavia, con una recessione globale non più sulla carta, Lyxor mantiene una posizione di sovrappeso sul credito.

Nel segmento del credito, la diversificazione è essenziale e Lyxor si sta concentrando sul settore ad alto rendimento, grazie alle ricche valutazioni nel segmento corporate a basso merito creditizio. Per questo motivo, Lyxor privilegia quote del mercato del debito High-Yield i cui rendimenti hanno una bassa correlazione con il ciclo economico, come il debito sovrano dei mercati emergenti, analizzando caso per caso, e le obbligazioni del settore finanziario ad alto rendimento. Le obbligazioni High-Yield del settore finanziario beneficeranno del continuo sostegno delle banche centrali globali e del rafforzamento dei bilanci a partire dalla crisi finanziaria del 2008.

Infine, in questo contesto complesso, la protezione del portafoglio dovrebbe rimanere in cima alle priorità dell’agenda degli investitori, con un ruolo maggiore della liquidità e delle protezioni facoltative. “Con un profilo di rischio/rendimento meno interessante nel 2020, l’attenzione degli investitori si concentrerà ancora una volta sul livello globale di esposizione dei loro portafogli e sul prezzo che sono disposti a pagare per la protezione”, ha dichiarato Florence Barjou, Deputy Head of Active Investment di Lyxor AM.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*