Masi Agricola: la redditività si conferma stabile ma l’outlook rimane incerto

A cura di Market Insight
“Guardando al contesto del primo semestre 2018 reputiamo soddisfacente la performance conseguita. In diversi mercati in cui siamo presenti notiamo una fase di crescente difficoltà, e spesso cali vistosi, delle categorie vinicole che proponiamo”. Sono queste le parole di Sandro Boscaini, presidente di Masi Agricola, in occasione della semestrale, che prosegue “avere e alimentare un brand forte e riconosciuto, ma anche una strategia che si rapporta con i cambiamenti in corso a livello distributivo, ci ha consentito di realizzare risultati stabili, dedicandoci nel contempo a progetti di sviluppo.” Sul mercato borsistico il titolo dopo aver aggiornato i minimi a 3,50 euro ha avviato un movimento di rimbalzo verso 4,10 euro
Masi Agricola, azienda vitivinicola radicata in Valpolicella Classica che produce e distribuisce vini di pregio, è oggi uno dei produttori italiani di vini pregiati più conosciuti al mondo grazie all’impiego di uve e metodi autoctoni e a una continua attività di ricerca e sperimentazione.
I dati di bilancio del primo semestre 2018 confermano la stabilità del business nonostante un mercato in difficoltà. Con riguardo all’andamento del conto economico, infatti, si riscontra la tenuta dei principali margini operativi, con un Ebitda margin pari al 20% e un Ebit margin di poco superiore al 15 per cento. Si segnala tuttavia un lieve calo dell’utile netto di periodo, pari al 9,2% dei ricavi, rispetto al 9,5% di pari periodo 2017.
Sul fronte patrimoniale è migliorato l’indebitamento finanziario netto, che mostra una diminuzione di circa il 39% a 5,6 milioni. Una sostanziale stabilità della redditività si è rileva inoltre estendendo l’orizzonte temporale al 30 settembre 2018. Periodo nel quale i ricavi si sono attestati a 45,1 milioni, in crescita di circa l’1% (+4% a cambi costanti) rispetto al pari periodo del 2017 mentre l’Ebitda è salito dell’1,1% a 9 milioni.

Gli indicatori di Borsa nel periodo mostrano una fase di sostanziale stabilità del titolo.
Outlook
In relazione all’evoluzione della gestione, il gruppo ha riscontrato delle difficoltà nel tracciarne un prevedibile andamento futuro. Segnatamente, la generale incertezza politica ed economica in parecchi mercati, la volatilità dei mercati finanziari e dei tassi di cambio, la maggiore prudenza dei clienti negli acquisti. Come segnalato dal management, l’andamento delle vendite sulla base delle statistiche aziendali risulta sostanzialmente in linea con l’esercizio precedente, con un trend particolarmente positivo delle iniziative Masi Wine Experience di ricettività diretta e della controllata Canevel Spumanti.
Nell’ambito del progetto Masi Wine Experience, si segnala che lo scorso 26 settembre Masi Agricola S.p.A. ha sottoscritto un accordo di joint venture, con durata iniziale di 8 anni,  con Tofana S.r.l. per aprire un wine bar e ristorante monomarca a Cortina D’Ampezzo a insegna “Drusciè Masi Wine Bar – Vino e Cucina – Cortina”.
L’intero studio su Masi Agricola è disponibile qui