Nexi, partnership con Microsoft per l’open banking

A pedestrian passes the Nexi SpA headquarters in Milan, Italy, on Monday, April 15, 2019. The initial public offering of payment-service company Nexi raised 2.01 billion euros ($2.3 billion), making it the biggest listing in Europe so far this year and the third major IPO of a payment-processing institution in the region in less than a year. Photographer: Alessia Pierdomenico/Bloomberg

Nexi e Microsoft Italia annunciano una partnership strategica con l’obiettivo di supportare banche e aziende a cogliere le opportunità di business offerte dall’open banking.

Microsoft entra a far parte di Nexi Open, l’ecosistema per l’open banking recentemente lanciato da Nexi che oltre a offrire i servizi digitali della PayTech, coinvolge come partner le aziende più innovative del settore tecnologico e del fintech, acceleratori, incubatori di start-up, società di consulenza e centri di ricerca.

La partnership – si legge in una nota – ha come obiettivo primario sfruttare le opportunità di creazione di nuovi prodotti e servizi offerte da cloud, intelligenza artificiale e i big data: tutti elementi che in ambito open banking e nei servizi finanziari in generale offrono grandi potenzialità di sviluppo.

La collaborazione con Microsoft si aggiunge agli ingenti investimenti che Nexi ha già messo in campo con la creazione di un team di oltre 60 professionisti specializzati in intelligenza artificiale e advanced analytics che si occupano della creazione di prodotti altamente avanzati, come la app Nexi Business.

Nexi e Microsoft agiranno congiuntamente per accelerare lo sviluppo delle competenze digitali, facendo leva sui contenuti erogati dalle piattaforme Microsoft per l’e-learning. Infine le due aziende rafforzeranno la collaborazione con il programma Microsoft for Startups, iniziativa che consentità a Nexi di accelerare la crescita di realtà innovative nel mondo fintech grazie al supporto tecnico e di business di Microsoft, in sinergia con il ruolo di Co-founder del Fintech Hub di Milano (in partnership con Plug and Play).

Grande importanza avranno quindi gli asset distintivi messi a disposizione da Microsoft, come la collaborazione con Microsoft for Startups, il programma di accelerazione per sostenere le startup, risorse e competenze digitali per l’innovazione dei servizi finanziari e eventi, workshop e incontri congiunti per individuare e sostenere le idee innovative. In particolare, metterà a disposizione i contenuti delle piattaforme Microsoft Learn e Microsoft AI Business School in diverse inziative congiunte di formazione dedicate ai temi del digitale e Intelligenza Artificiale, tecnologie alla base di servizi innovativi, facendo leva anche sull’ampio ecosistema di partner dell’azienda.

L’ingresso di Microsoft in Nexi Open consente a Nexi di offrire alle proprie banche partner un’opportunità per accelerare ulteriormente la trasformazione tecnologica, per acquisire competenze digitali, per offrire prodotti e servizi sempre più personalizzati e di valore ai propri clienti, siano essi aziende o privati.

“La partnership con Microsoft ci permette di portare a bordo di Nexi Open uno dei principali player tecnologici a livello globale”, commenta Roberto Catanzaro, Business Development Director di Nexi. “L’accordo non è solo una testimonianza della prospettiva internazionale che caratterizza l’ecosistema che abbiamo creato in ambito open banking, ma è anche una dimostrazione che offriamo alle nostre banche partner soluzioni concrete che permettono lo sviluppo di servizi diversi e differenzianti che allargano il perimetro della loro offerta”.

“Il settore dei servizi bancari sta attraversando una fase di profonda trasformazione, abilitata da nuovi modelli di interazione digitale”, spiega Barbara Cominelli, Chief Operating Officer Microsoft Italia. “Grazie a questa collaborazione con Nexi, possiamo accelerare l’innovazione in questo mercato, portare nuovo valore a consumatori e investitori con un approccio aperto e che coinvolga diversi attori del mercato, da quelli consolidati fino alle startup e alle nuove idee imprenditoriali, unendo le forze sui temi della formazione e delle competenze digitali necessarie per creare servizi finanziari innovativi”.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*