Non è solo l’oro il metallo che luccica

A cura del Centro Studi BG Saxo

Rame

Il copper si trova in prossimità del picco di gennaio a 2,8886 dollari per libbra, livello raggiunto poco prima che la Cina annunciasse ufficialmente la scoperta del Covid-19. Da allora la pandemia ha suscitato aspettative di aumento della domanda da parte di progetti infrastrutturali, soprattutto in Cina. Più recentemente il Cile, il più grande produttore del mondo, ha annunciato un taglio delle forniture dopo che migliaia di minatori si sono ammalati. Altro punto d’attenzione è l’Rsi che ha raggiunto 83,7, il livello più alto da novembre 2016.

Mais e frumento

Il sottoindice Bloomberg Commodity Grains è sulla buona strada per mettere a segno la migliore performance a due settimane negli ultimi 14 mesi. Questo grazie alle coperture di breve che hanno portato il prezzo del mais a crescere del 10% sulla base di una riduzione dei terreni coltivabili, e quindi di una produzione inferiore, e quello del grano del 9% a causa delle preoccupazioni sulle forniture globali.

Il Cot sulle posizioni in cereali coperte dagli hedge fund fino al 30 giugno mostra posizioni nette corte sul mais pari a 202mila lotti e sul grano a 39mila lotti.

Argento

Mentre l’oro deve ancora staccarsi con decisione dall’area 1800 dollari l’oncia, l’argento ha raggiunto e superato il suo prossimo livello di resistenza a 19 dollari l’oncia prima di ritracciare. Attenzione a una discesa sotto ai 94,7 per il rapporto oro/argento, un potenziale segnale di ulteriori sovraperformance dell’argento.

Gas naturale

Il forte rally guidato dalla crescente domanda a causa dell’attuale ondata di caldo negli Stati Uniti ha contribuito a compensare i timori del virus e la riduzione delle esportazioni. I sondaggi indicano un aumento di 58 bcf (billion cubic feet), 10 bcf inferiore alla media a 5 anni del periodo. Rystad Energy, con sede a Oslo, nelle ultime previsioni per il gas naturale prevede un continuo calo della produzione anche dopo luglio,al punto che le scorte di fine ottobre potrebbero finire ben al di sotto della capacità di 3600 bcf. Tuttavia, il continuo aumento del numero di infezioni da Covid-19 potrebbe ancora portare turbolenza sul mercato durante i prossimi mesi.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*