Petrolio Brent, presto un test cruciale a 45 dollari

Finchè la resistenza statica di medio termine in area 45 dollari per barile non verrà oltrepassata il petrolio Brent continuerà a muoversi in trading range, come avviene da inizio giugno. Il supporto dinamico, limite inferiore del canale rialzista nel quale il greggio del Mare del Nord è inserito da metà maggio e al momento coincidente con il passaggio della media mobile a 41,35 dollari per barile, potrebbe però in caso di tenuta, agevolare l’uscita del suddetto movimento laterale.

I prossimi obiettivi tecnici del petrolio Brent

Dal punto di vista operativo, al rialzo e dollaro e mercato permettendo, una volta eventualmente oltrepssato l’ostacolo a quota 45, i prossimi target del petrolio Brent diventerebbero in prima battuta a 48,35 dollari per barile e, successivamente, a ridosso dei 50 dollari. Attenzione però: è cruciale posizionare uno stop loss (oppure uno stop and reverse) a 41,35 dollari al di sotto della quale si profilerebbe un ulteriore ritracciamento delle quotazioni.

Gli Etc sul Brent a Piazza Affari

A Piazza Affari al rialzo sul Brent sono disponibili i seguenti Etc: Wisdomtree Brent CrudeWisdomtree Brent Oil EtcWisdomtree Brent Oil 3x Leverage Daily EtpWisdomtree Brent 1mth Oil Securities e al ribasso Wisdomtree 1x Daily Short Brent Crude.      G.R.

Il trend del petrolio Brent nel medio termine

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*